Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Spagna: arrestato Igor il russo, il killer catturato dopo un conflitto a fuoco, nella sparatoria sono morti due poliziotti e un civile, a rischio l'estradizione in Italia
- Roma: caso Etruria, premier Gentiloni, Boschi ha chiarito tutto e sarà candidata del Pd alle prossime elezioni
- Roma: indagini in corso sul lancio di una molotov contro il commissariato del quartiere Prati, si segue anche la pista anarchica
- Roma: si temono tensioni al corte pro migranti di oggi, previste 15mila persone
- Indonesia: scossa di terremoto di magnitudo 6.5 Richter sulle coste dell’isola di Giava, due morti e decine di feriti
- Roma: lunedì scade il termine per pagare la seconda rata di Imu e Tasi, Cgia di Mestre, il Fisco incasserà 9,9 miliardi di euro
- Roma: Federalberghi, 15 milioni di italiani in viaggio per Natale e Capodanno, giro d'affari che sfiorerà i 10 miliardi di euro, + 16% rispetto al 2016
- Calcio: oggi tre anticipi in serie A, alle 15 Inter-Udinese, alle 18 Torino-Napoli, alle 20.45 Roma-Cagliari, domani le altre partite
11 gennaio 2017

Articolo 18, il referendum non si farà

La Corte Costituzionale ha giudicato inammissibile il quesito proposto dalla CGIL

Il referendum sull’articolo 18 non si farà. La Corte Costituzionale ha giudicato inammissibile il quesito proposto dalla CGIL per reintrodurre i limiti per i licenziamenti senza giusta causa. Via libera invece ai quesiti sui voucher.

Articolo 18, il referendum non si farà

E' questo il verdetto a cui è giunta la Consulta sul quesito presentato dalla Cgil, che voleva ripristinare il reintegro sul posto di lavoro. Il sindacato però annuncia battaglia alla Corte Europea. Via libera invece al quesito che chiede l'abrogazione delle norme sui voucher, sulle quali il governo ha già detto di voler intervenire. Ok anche al referendum contro le norme che limitano la responsabilità in solido fra appaltante e appaltatore. Per Salvini (Lega) comunque e' 'una sentenza politica'. Il ministro Lorenzin nega conseguenze sul governo. Bersani dalla minoranza Pd chiede che sull'art.18 'ora intervengano Governo e Parlamento'.