Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Parigi: caso Fincantieri, la Francia eserciterà il diritto di prelazione sui cantieri di Saint Nazaire, lo ha affermato il ministro dell'Economia Bruno Le Maire
- Porto S.Stefano(Gr): capo della polizia municipale di Monte Argentario spara al figlio 17 enne e si toglie la vita, il ragazzo è morto dopo il ricovero in ospedale
- Lodi: si è inventato tutto il capotreno che ha detto di essere stato accoltellato da un giovane di colore su un vagone di Trenord, l'uomo, che si è tagliato da solo, è accusato di calunnia e simulazione di reato
- Roma: vitalizi, via libera della Camera al ddl che taglia le pensioni dei parlamentari, scontro in aula tra M5s e Pd, stasera si vota il decreto vaccini, il Governo ha posto la fiducia
- Londra: il piccolo Charlie Gard presto verrà affidato ad una struttura per malati terminali, lo ha deciso l'Alta Corte britannica dopo il mancato accordo sulle cure per il bambino tra genitori e ospedale
- Usa: il Senato americano ha bocciato la revoca dell'Obamacare, hanno votato contro la posizione del presidente Donald Trump anche sette senatori repubblicani
- Calcio: questa sera, alle 20, si giocherà l'andata del terzo turno preliminare dell'Europa League, il Milan sarà impegnato in Romania contro l'Universitatea Craiova
20 marzo 2017

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare

A Torino, arrestati due allenatori di calcio giovanile. Coinvolto anche un arbitro

Sesso in cambio di una maglia da titolare. E’ la pesantissima ipotesi, che ha portato agli arresti domiciliari a Torino un ventenne, allenatore di calcio delle giovanili. Non era il solo, a tentare di sfruttare l’attività sportiva, a fini sessuali. Un altro allenatore, di 50 Anni, è finito in carcere, perché avrebbe sfruttato proprio i ricatti sessuali del collega, per raccogliere materiale pedopornografico. Ad un arbitro, sempre delle categorie giovanili, un architetto torinese, è stato imposto l’obbligo di firma. Quest’ultimo, tentava approcci sessuali sui ragazzini, con la scusa di massaggi tonificanti. Per i tre, le accuse sono di violenza sessuale e pedopornografia. L’inchiesta è durata un anno ed è scattata, dopo la denuncia dei genitori di un sedicenne. Le vittime degli approcci e degli abusi dei tre sarebbero una quindicina.

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare