Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Gran Bretagna: attentato Manchester, 8 arresti, fonti Usa, usato lo stesso esplosivo di Parigi e Bruxelles, Abedi si radicalizzò in Libia
- Gran Bretagna: Manchester, la Regina Elisabetta all'ospedale in visita ai feriti, è uno shock ma siamo uniti
- Roma: il Tar del Lazio boccia la nomina dei direttori di 5 musei su 20, ministro cultura Franceschini, presenteremo ricorso al Consiglio di Stato
- Bruxelles: oggi il vertice Nato sulla lotta al terrorismo, presente anche il Presidente Usa Donald Trump, l'Alleanza Atlantica entrerà nella coalizione anti Isis
- Roma: malore per la stilista Laura Biagiotti, avviate le procedure per l'accertamento della morte cerebrale
- Calcio: Francesco Totti annuncia, domenica ultima volta in campo con la maglia della Roma, ma pronto per nuova sfida già da lunedì
- Formula 1: Gp di Montecarlo, prime prove libere, Hamilton in testa, secondo Vettel
- Ciclismo: Giro d'Italia, oggi tappa sulle Dolomiti da Moena a Ortisei con cinque scalate, l'olandese Dumoulin ancora in maglia rosa
20 marzo 2017

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare

A Torino, arrestati due allenatori di calcio giovanile. Coinvolto anche un arbitro

Sesso in cambio di una maglia da titolare. E’ la pesantissima ipotesi, che ha portato agli arresti domiciliari a Torino un ventenne, allenatore di calcio delle giovanili. Non era il solo, a tentare di sfruttare l’attività sportiva, a fini sessuali. Un altro allenatore, di 50 Anni, è finito in carcere, perché avrebbe sfruttato proprio i ricatti sessuali del collega, per raccogliere materiale pedopornografico. Ad un arbitro, sempre delle categorie giovanili, un architetto torinese, è stato imposto l’obbligo di firma. Quest’ultimo, tentava approcci sessuali sui ragazzini, con la scusa di massaggi tonificanti. Per i tre, le accuse sono di violenza sessuale e pedopornografia. L’inchiesta è durata un anno ed è scattata, dopo la denuncia dei genitori di un sedicenne. Le vittime degli approcci e degli abusi dei tre sarebbero una quindicina.

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare