Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Alatri(Fr): omicidio Emanuele Morganti, eseguita l'autopsia alla Sapienza, decine i colpi inferti al giovane, lo hanno sfigurato, i fratelli fermati restano in carcere, oggi l'interrogatorio di garanzia
- Venezia: sgominata cellula di presunti estremisti islamici, progettavano un attentato al ponte di Rialto, tre gli arrestati, fermato anche un minorenne
- Oria(Br): un avvocato spara ed uccide un cliente nel suo studio, la vittima aveva 45 anni, ignoti i motivi del gesto
- Usa: l'amministrazione Trump ipotizza dazi del 100% su prodotti europei, tra essi Piaggio, San Pellegrino e Perrier, Gentiloni, la qualità non ha prezzo
- Roma: Camera, 15 giorni di sospensione per 19 deputati 5 Stelle che tentarono l'irruzione nell'ufficio di Presidenza per la vicenda dei vitalizi
- Tennis: torneo Miami, oggi Fabio Fognini affronterà in semifinale Rafa Nadal, in ogni caso l'azzurro tornerà nella top 30 della classifica mondiale Atp
- Calcio: Daniele Orsato di Schio è l'arbitro designato per Napoli-Juventus, la partita in programma domenica sera, il match segnerà il ritorno di Gonzalo Higuain al San Paolo
20 marzo 2017

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare

A Torino, arrestati due allenatori di calcio giovanile. Coinvolto anche un arbitro

Sesso in cambio di una maglia da titolare. E’ la pesantissima ipotesi, che ha portato agli arresti domiciliari a Torino un ventenne, allenatore di calcio delle giovanili. Non era il solo, a tentare di sfruttare l’attività sportiva, a fini sessuali. Un altro allenatore, di 50 Anni, è finito in carcere, perché avrebbe sfruttato proprio i ricatti sessuali del collega, per raccogliere materiale pedopornografico. Ad un arbitro, sempre delle categorie giovanili, un architetto torinese, è stato imposto l’obbligo di firma. Quest’ultimo, tentava approcci sessuali sui ragazzini, con la scusa di massaggi tonificanti. Per i tre, le accuse sono di violenza sessuale e pedopornografia. L’inchiesta è durata un anno ed è scattata, dopo la denuncia dei genitori di un sedicenne. Le vittime degli approcci e degli abusi dei tre sarebbero una quindicina.

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare