Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Calcio: oggi il Consiglio Federale della FIGC, si decide il futuro del presidente Carlo Tavecchio, Malagò, si presenterà dimissionario
- Belgio: oggi a Bruxelles si decide la città che ospiterà l'Agenzia Europea del Farmaco, tra le favorite anche Milano
- Ostia: ballottaggio X Municipio, la candidata del Movimento 5 Stelle Giuliana Di Pillo vince con il 59,6% dei voti, affluenza al 33%
- Argentina: ancora nessuna traccia del sommergibile scomparso nell'Atlantico, a bordo 44 persone, 40 navi partecipano alle ricerche
- Usa: morto a 83 anni Charles Manson, uno dei più malvagi criminali della storia americana. stava scontando l'ergastolo, tra le vittime anche Sharon Tate, moglie di Roman Polansky
- Napoli: operazione anticamorra, 43 persone arrestate, tutte legate al clan Lorusso
- Calcio: serie A, Inter a due punti dal Napoli dopo la vittoria per 2-0 sull'Atalanta, questa sera Verona-Bologna
20 marzo 2017

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare

A Torino, arrestati due allenatori di calcio giovanile. Coinvolto anche un arbitro

Sesso in cambio di una maglia da titolare. E’ la pesantissima ipotesi, che ha portato agli arresti domiciliari a Torino un ventenne, allenatore di calcio delle giovanili. Non era il solo, a tentare di sfruttare l’attività sportiva, a fini sessuali. Un altro allenatore, di 50 Anni, è finito in carcere, perché avrebbe sfruttato proprio i ricatti sessuali del collega, per raccogliere materiale pedopornografico. Ad un arbitro, sempre delle categorie giovanili, un architetto torinese, è stato imposto l’obbligo di firma. Quest’ultimo, tentava approcci sessuali sui ragazzini, con la scusa di massaggi tonificanti. Per i tre, le accuse sono di violenza sessuale e pedopornografia. L’inchiesta è durata un anno ed è scattata, dopo la denuncia dei genitori di un sedicenne. Le vittime degli approcci e degli abusi dei tre sarebbero una quindicina.

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare