Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Afghanistan: attacco all'hotel Intercontinental, almeno 15 fra morti e feriti, nessun italiano risulta coinvolto
- Pescara: kermesse del Movimento 5 Stelle, Grillo e Di Maio, nessuna divergenza sulle alleanze, Casaleggio, il nostro programma è fra i più innovativi
- Roma: il premier Gentiloni si candiderà con il Pd nel collegio uninominale Roma 1
- Usa: nessun accordo sul bilancio federale, scatta lo "shutdown", il blocco delle attività amministrative, Trump attacca i democratici
- Usa: Onu, le donne guadagnano il 23% in meno degli uomini, è il più grande furto della storia
- Francia: morto Paul Bocuse, lo chef che inventò la Nouvelle Cuisine, aveva 91 anni
- Svizzera: via libera del Cio, le due Coree alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang sfileranno sotto un'unica bandiera, al via il 9 febbraio, 22 gli atleti del Nord in gara
- Pattinaggio artistico: agli Europei di Mosca Carolina Kostner ha conquistato la medaglia di bronzo
- Calcio: oggi la 21ma giornata di Serie A, alle 12:30 Atalanta-Napoli, alle 20:45 Inter-Roma, lunedì sera Juventus-Genoa
20 marzo 2017

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare

A Torino, arrestati due allenatori di calcio giovanile. Coinvolto anche un arbitro

Sesso in cambio di una maglia da titolare. E’ la pesantissima ipotesi, che ha portato agli arresti domiciliari a Torino un ventenne, allenatore di calcio delle giovanili. Non era il solo, a tentare di sfruttare l’attività sportiva, a fini sessuali. Un altro allenatore, di 50 Anni, è finito in carcere, perché avrebbe sfruttato proprio i ricatti sessuali del collega, per raccogliere materiale pedopornografico. Ad un arbitro, sempre delle categorie giovanili, un architetto torinese, è stato imposto l’obbligo di firma. Quest’ultimo, tentava approcci sessuali sui ragazzini, con la scusa di massaggi tonificanti. Per i tre, le accuse sono di violenza sessuale e pedopornografia. L’inchiesta è durata un anno ed è scattata, dopo la denuncia dei genitori di un sedicenne. Le vittime degli approcci e degli abusi dei tre sarebbero una quindicina.

Chiedeva sesso e garantiva il posto da titolare