Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Calcio: oggi il Consiglio Federale della FIGC, si decide il futuro del presidente Carlo Tavecchio, Malagò, si presenterà dimissionario
- Belgio: oggi a Bruxelles si decide la città che ospiterà l'Agenzia Europea del Farmaco, tra le favorite anche Milano
- Ostia: ballottaggio X Municipio, la candidata del Movimento 5 Stelle Giuliana Di Pillo vince con il 59,6% dei voti, affluenza al 33%
- Argentina: ancora nessuna traccia del sommergibile scomparso nell'Atlantico, a bordo 44 persone, 40 navi partecipano alle ricerche
- Usa: morto a 83 anni Charles Manson, uno dei più malvagi criminali della storia americana. stava scontando l'ergastolo, tra le vittime anche Sharon Tate, moglie di Roman Polansky
- Napoli: operazione anticamorra, 43 persone arrestate, tutte legate al clan Lorusso
- Calcio: serie A, Inter a due punti dal Napoli dopo la vittoria per 2-0 sull'Atalanta, questa sera Verona-Bologna
20 marzo 2017

Lavorare sotto l’effetto di alcol o stupefacenti? In Colombia si può ma ad una condizione

Lo stabilisce una sentenza della Corte Costituzionale colombiana

In genere un lavoratore che sia sotto l’effetto di alcol o droghe sul posto di lavoro rischia grosse sanzioni. Una sentenza della Corte Costituzionale della Colombia, però, cambia le carte in tavola: “non sempre queste sostanze ostacolano le prestazioni di lavoro” argomenta la Corte.

Lavorare sotto l’effetto di alcol o stupefacenti? In Colombia si può ma ad una condizione

Un ulteriore eccezione è rappresentata da “lavoratori che svolgono attività che comportano rischi per i lavoratori, per i propri collaboratori o altri”.