Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Afghanistan: attacco all'hotel Intercontinental, almeno 15 fra morti e feriti, nessun italiano risulta coinvolto
- Pescara: kermesse del Movimento 5 Stelle, Grillo e Di Maio, nessuna divergenza sulle alleanze, Casaleggio, il nostro programma è fra i più innovativi
- Roma: il premier Gentiloni si candiderà con il Pd nel collegio uninominale Roma 1
- Usa: nessun accordo sul bilancio federale, scatta lo "shutdown", il blocco delle attività amministrative, Trump attacca i democratici
- Usa: Onu, le donne guadagnano il 23% in meno degli uomini, è il più grande furto della storia
- Francia: morto Paul Bocuse, lo chef che inventò la Nouvelle Cuisine, aveva 91 anni
- Svizzera: via libera del Cio, le due Coree alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang sfileranno sotto un'unica bandiera, al via il 9 febbraio, 22 gli atleti del Nord in gara
- Pattinaggio artistico: agli Europei di Mosca Carolina Kostner ha conquistato la medaglia di bronzo
- Calcio: oggi la 21ma giornata di Serie A, alle 12:30 Atalanta-Napoli, alle 20:45 Inter-Roma, lunedì sera Juventus-Genoa
20 marzo 2017

Lavorare sotto l’effetto di alcol o stupefacenti? In Colombia si può ma ad una condizione

Lo stabilisce una sentenza della Corte Costituzionale colombiana

In genere un lavoratore che sia sotto l’effetto di alcol o droghe sul posto di lavoro rischia grosse sanzioni. Una sentenza della Corte Costituzionale della Colombia, però, cambia le carte in tavola: “non sempre queste sostanze ostacolano le prestazioni di lavoro” argomenta la Corte.

Lavorare sotto l’effetto di alcol o stupefacenti? In Colombia si può ma ad una condizione

Un ulteriore eccezione è rappresentata da “lavoratori che svolgono attività che comportano rischi per i lavoratori, per i propri collaboratori o altri”.