Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Spagna: arrestato Igor il russo, il killer catturato dopo un conflitto a fuoco, nella sparatoria sono morti due poliziotti e un civile, a rischio l'estradizione in Italia
- Roma: caso Etruria, premier Gentiloni, Boschi ha chiarito tutto e sarà candidata del Pd alle prossime elezioni
- Roma: indagini in corso sul lancio di una molotov contro il commissariato del quartiere Prati, si segue anche la pista anarchica
- Roma: si temono tensioni al corte pro migranti di oggi, previste 15mila persone
- Indonesia: scossa di terremoto di magnitudo 6.5 Richter sulle coste dell’isola di Giava, due morti e decine di feriti
- Roma: lunedì scade il termine per pagare la seconda rata di Imu e Tasi, Cgia di Mestre, il Fisco incasserà 9,9 miliardi di euro
- Roma: Federalberghi, 15 milioni di italiani in viaggio per Natale e Capodanno, giro d'affari che sfiorerà i 10 miliardi di euro, + 16% rispetto al 2016
- Calcio: oggi tre anticipi in serie A, alle 15 Inter-Udinese, alle 18 Torino-Napoli, alle 20.45 Roma-Cagliari, domani le altre partite
09 gennaio 2017

Movimento Cinque Stelle lascia Farage per i liberali UE

Cambio di schieramento al Parlamento Europeo dettato da Beppe Grillo e confermato via Web

Il Movimento Cinque Stelle ha detto addio all'alleanza con il partito britannico di Nigel Farage, all’Europarlamento, passando con il gruppo degli europeisti e liberali dell’Alde. La decisione di Beppe Grillo è stata confermata da un referendum web tra gli iscritti al movimento.

Movimento Cinque Stelle lascia Farage per i liberali UE

La votazione online indetta sul blog di Beppe Grillo ha detto Sì alla proposta di passaggio dei pentastellati nel gruppo liberale Alde. Ha votato sì la stragrande maggioranza, cioèil 78,5%. Mentre sul web gira un testo condiviso che porta la data del 4 gennaio, vale a dire, il preaccordo siglato tra i 5 Stelle e l’Alde. Nel frattempo negli altri partiti si discute sempre di legge elettorale, mentre a tenere banco è anche il referendum sul jobsact, in attesa della decisione della Consulta sull'ammissibilità del referendum sulla riforma del lavoro, attesa per mercoledì.