Learn to say no

KAYMA

Ci definiamo ribelli, ma molto spesso siamo un po' tutti addomesticati. A volte costretti a vestire un ruolo, recitare una parte, spesso ingabbiati in una comfort zone che ci induce al letargo. Vorremmo strapparci il costume, raccontando agli altri e a noi stessi di essere fuori dagli schemi: ma poi ci fermiamo alle buone intenzioni.

La via di fuga ce la propone Kayma con il suo nuovo singolo Learn To Say No. Dire di no ai percorsi prestabiliti, alle convenzioni: ci vuole coraggio.

Il brano è la battaglia contro dubbi, vergogna e paure interiori, è l’artista quando sveste la maschera presentandosi a nudo sul palco, come mai fatto prima, "Impara a dire di no".

Questa apparentemente semplice dottrina di vita, nasce da un periodo di crisi e sofferenza: Kayma racconta di essersi ritrovato in una camera d'albergo londinese, in compagnia di una forte crisi d'identità. Fortuna ha voluto che questo hotel fosse fornito di giradischi e chitarre, perché l’idea arriva quando meno te lo aspetti.

Ispirato da un disco in vinile della London Symphony Orchestra presente nella sua camera, Kayma ha messo a nudo i suoi pensieri sulla carriera e sulla vita in generale. La notte per dormire è stata sostituita dal sacro fuoco compositivo: sotto uno strato di coperte, per non disturbare i vicini di stanza, il musicista ha imbracciato la chitarra trovata in albergo. Al mattino, al suo fianco nel letto, era nata una canzone: Learn To Say No.

Dopo anni di lotte interiori per l'accettazione di sé, il brano è diventato il primo passo della carriera autonoma di Kayma.

Il pezzo è anche un manifesto contro la triste disciplina dell'accontentarsi. Uno stile di vita che accomuna le esistenze grigie diffuse a ogni latitudine. La rinascita di Kayma, la voglia di passare dalle retrovie della musica alle luci della ribalta, nasce da una autentica depressione, che l'artista descrive così:

Condividi la scheda del brano Learn to say no di KAYMA:

News per te