Addio ad Angela Lansbury, la Signora in Giallo (ma non solo) che ha accompagnato generazioni di spettatori

12 ottobre 2022, ore 14:10 , agg. alle 14:39

Una carriera lunga settant'anni tra Hollywood e Broadway. Per poi approdare nelle case di tutto il mondo come Jessica Fletcher

Una figura gentile, che ha accompagnato negli anni generazioni di spettatori e di attori. Si è spenta ieri, a novantasei anni, Angela Lansbury. Un annuncio che è rimbalzato immediatamente in tutto il mondo, con una commozione che a distanza di ore non accenna a sgonfiarsi. E che testimonia come Angela Lansbury sia stata Jessica Fletcher sì, ma anche tanto di più.

Una carriera splendente, tra Hollywood e Broadway

Premio Oscar alla carriera nel 2014, Angela Lansbury inizia a recitare a diciassette anni, quando sostiene il provino per il suo primo film, Gaslight, con cui il successo è immediato. La pellicola esce nel 1944 e per lei arriva già la prima nomination all’agognata Statuetta. Spiccano la sua espressività, l’eleganza e i lineamenti decisi che le conferiscono un’aria senza tempo, tanto che si ritroverà a recitare sempre con attori molto più grandi di lei, interpretando con credibilità anche personaggi maturi. Un talento poliedrico, che si muove con destrezza anche nel musical e nel teatro. Una carriera lunga settant’anni, nel corso dei quali si aggiudica sei Golden Globe, cinque Tony Award e innumerevoli candidature agli Emmy. Molti i ruoli di primo piano, dalla Sybil de Il ritratto di Dorian Grey del 1946 a quello in Gran Premio, in cui recita con Liz Taylor. È una madre spietata in Va e uccidi e una splendida ed eccentrica zia nel musical Mame.

Amica di una generazione

Ma Angela Lansbury non disdegna anche ruoli in film per bambini. Nel 1971 è la protagonista del film Disney Pomi d'ottone e manici di scopa: immortale la sua interpretazione di Miss Eglantine Price, apprendista strega per corrispondenza. Presterà poi la voce a vari personaggi, tra cui spiccano la teiera de La bella e la bestia - di cui interpreta anche la colonna sonora che si aggiudica l’Oscar per la migliore canzone nel 1992 – e l’Imperatrice Madre di Anastasia, che sarà disegnata con le sue fattezze. In Italia poi, ha accompagnato il pranzo di intere generazioni con l'interpretazione che tutti ricordiamo: La Signora in Giallo.


Addio ad Angela Lansbury, la Signora in Giallo (ma non solo)
PHOTO CREDIT: AgenziaFotogramma.it

Una detective fuori dagli stereotipi

Nel 1978 ad Angela Lansbury viene affidato il ruolo di una scrittrice in Assassinio sul Nilo, tratto dal romanzo di Agatha Christie. Tanto è credibile che due anni dopo interpreta Miss Marple, protagonista di Assassinio sullo Specchio. L'identificazione con la detective della Christie è forte, così nel 1984 appare la protagonista ideale per La Signora in Giallo. Quello di Jessica Fletcher, l'insospettabile signora di un paesino di provincia - l'immaginario Cabot Cove - in cui avvengono numerosi omicidi, si rivela il personaggio perfetto. La Fletcher impartisce lezioni anche alle istituzioni, risolvendo casi complessi nonostante l'età e l'aria apparentemente svampita. Anticipata da una sigla unica, quel motivetto allegro che ancora adesso è familiare sin dalle prime note.
Tags: Angela Lansbury, Jessica Fletcher, Pomi d'ottone e manici di scopa, Signora in giallo

Share this story: