America's Cup 2021, pareggio 1-1 nella prima giornata di regate tra Team New Zealand e Luna Rossa

10 marzo 2021, ore 11:05 , agg. alle 13:07

La prima sfida è andata ai padroni di casa e detentori del trofeo, la seconda alla barca guidata da Francesco Bruni e James Spithill. Si tratta della seconda vittoria di un'imbarcazione azzurra dal 1851. l'impresa riuscì prima solo al Moro di Venezia nel 1992 a San Diego contro America3

Nel Golfo di Hauraki,  la battaglia per la Coppa America è partita ed è subito testa a testa tra Team New Zealand e Luna Rossa, che si sono aggiudicati entrambi una regata. La buona notizia è che tra i detentori del trofeo più antico del mondo e gli sfidanti non ci sono troppe differenze di velocità, anche nelle condizioni migliori per i Kiwi, e dunque si va verso sfide molto interessanti. C’è anche un dato storico. Quella di Luna Rossa è la seconda vittoria dal 1851 di uno scafo italiano in una regata della Coppa America. Prima l’impresa era riuscita solo al Moro di Venezia nel 1992 a San Diego contro America3. Allora le barche era totalmente diverse, l’idea che si potesse volare sull’acqua grazie ai foil e toccare i 50 nodi degli Ac75 era pura fantascienza.


La prima regata

I padroni di casa si sono aggiudicati il primo match race grazie a una partenza migliore e nonostante la richiesta di penalità di Luna Rossa. Te Rehutai ha controllato tutta la regata senza che gli italiani siano stati in grado realmente di impensierirli, anche se nella seconda bolina e nella seconda poppa Luna rossa ha guadagnato un po’ di margine. Di certo ha pesato un campo di regata con diversi salti di vento. Alla fine i Defender sono arrivati sulla linea del traguardo con 31 secondi di vantaggio. "Penso che abbiano un vantaggio sui venti veloci, ma se cala il vento c'è molto equilibrio. Abbiamo capito dove possiamo riprenderli. Regateremo forte come loro”, ha commentato Francesco Bruni, uno dei due timonieri di Luna Rossa al termine della prima prova.


La seconda regata

Decisamente diversa la seconda regata che ha visto da subito il controllo di Luna Rossa. Il team guidato Francesco Bruni e James Spithill è partito in vantaggio, tanto da riuscire a staccare i Defender di 13 secondi alla prima boa, 12 alla seconda e 25 alla terza. Il recupero di New Zealand arriva dopo ma è troppo tardi. La barca azzurra ha tagliato il traguardo con 7 secondi di vantaggio. ''E' stata una giornata importante e interessante perché c'era molta aspettativa da parte di entrambi i team e molta curiosità nel capire quali fossero le differenze tra le performance delle due barche. Abbiamo regatato in un range di vento, dai 13 ai 18 nodi, che è molto più favorevole alla loro configurazione”. È il commento di Max Sirena, skipper e team director di Luna Rossa.

I prossimi impegni

Domani giornata di riposo per le due squadre, sarà l’occasione per analizzare le prime due regate e soprattutto gli errori fatti. Da venerdì si ripartirà con due match race al giorno, fino al 17 di marzo in cui si terrà la l’ultimo match race in caso di pareggio 6-6. Il trofeo sarà assegnato a chi riuscirà a vincere 7 sfide.


America's Cup 2021, pareggio 1-1 nella prima giornata di regate tra Team New Zealand e Luna Rossa
Tags: Team New Zealand, Coppa America, Luna Rossa

Share this story: