Attacco a Londra, il killer era in libertà vigilata

30 novembre 2019, ore 14:00 , agg. alle 14:44

Usman Khan era stato condannato nel 2012 e rilasciato a dicembre 2018

Si chiamava Usman Khan l'attentatore di 28 anni che ieri sul London Bridge ha accoltellato i passanti uccidendone due e ferendone altri tre, prima di essere a sua volta ucciso dalla polizia. Khan era stato rilasciato in libertà vigilata l'anno scorso, dopo aver scontato sei anni per reati di terrorismo. Khan era stato condannato nel 2012 e rilasciato a dicembre 2018 "su licenza", il che significa che avrebbe dovuto soddisfare determinate condizioni o sarebbe tornato in carcere. Diversi media britannici hanno riferito che indossava un braccialetto elettronico alla caviglia. E monta oggi la polemica nel Paese sulla scarcerazione anticipata di Khan. L'uomo, residente nello Staffordshire, in Inghilterra, ma di origini pachistane, avrebbe dovuto scontare una pena di 16 anni. Ma era stato rimesso in libertà condizionata nel dicembre 2018, dopo neppure 7 anni, tanto da poter partecipare ieri a una conferenza sulla riabilitazione dei detenuti.
Attacco a Londra, il killer era in libertà vigilata

Share this story: