Bari, salvati centinaia di libri buttati, nasce libreria a cielo aperto

 13 luglio 2019 | Bari, Cassonetto, Libri

La mobilitazione è partita da una fotografia pubblicata su Facebook e subito condivisa

Un bidone della spazzatura per la raccolta differenziata pieno zeppo di libri. Questo si sono trovati davanti alcuni cittadini di Bari. Siamo in via Giulio Petroni, nei pressi dell'ex ospedale militare Bonomo. I residenti non sono rimasti a guardare, e si sono attivati per evitare che quel mucchio di libri diventassero carta da riciclo. Tutto è partito, come spesso accade, dal web, in particolare da una fotografia pubblicata su Facebook, condivisa da tante persone che hanno deciso di unirsi e salvare i libri, creando una vera e propria biblioteca a cielo aperto. "Si è trattato del frutto dello sgombero di un appartamento, svuotato da una ditta specializzata" racconta Michele, l'autore dell'immagine che ha scatenato il passaparola. "Alcuni libri erano persino nel contenitore della plastica. Io e mia moglie ci siamo accorti del contenuto del cassonetto dalla sera prima e il giorno dopo ho pensato di prenderne qualcuno. Dopo aver pubblicato la foto si sono avvicinati amici e sconosciuti e insieme ne abbiamo potuti togliere parecchi. Visto che c'erano alcuni mobili dismessi, accanto ai bidoni, abbiamo organizzato praticamente una piccola libreria clandestina e i passanti potevano prenderli liberamente. C'erano libri di Platone, Rousseau o su Federico II, le nostre basi: non potevano restare lì". Un altro esempio del grande poter dei social, grazie a cui è stato possibile salvare gran parte dei libri destinati al macero.

Bari, salvati centinaia di libri buttati, nasce libreria a cielo aperto

Share this story: