Basket, la Virtus Bologna vince la Supercoppa Italiana, nella finale battuta l'Olimpia Milano per 90-84

22 settembre 2021, ore 08:00

Una partita spettacolare, chiusa e riaperta più di una volta, con Alessandro Pajola che la decide nel finale, è il secondo successo della Virtus nella storia del trofeo

Basket, la Virtus Bologna vince la Supercoppa Italiana, nella finale battuta l'Olimpia Milano per 90-84

Era la rivincita immediata della finale scudetto della passata stagione, dopo il tricolore vinto in Giugno, è ancora la Virtus Bologna a festeggiare, a consentire ad un raggiante patron Zanetti di alzare il trofeo. Scariolo fa centro subito, a dispetto dei presagi nefasti, con due pedine importanti ferme ai box.

MVP ALESSANDRO PAJOLA

Il giovane prodotto del vivaio bolognese Alessandro Pajola, si è erto a protagonista in una squadra di stelle e di “gregari”, gia ben cementata,  dal grande potenziale. Jaiteh, Abass e Alibegovic, completano l’opera piegando una Milano che vive sull’estro di Rodriguez e le triple centrate nella ripresa, ma ancora troppo macchinosa per impensierire i campioni d’Italia.

LE ASSENZE E LE SCELTE

Milano senza Daniels e col turnover previsto  (fuori Tarczewski e Grant), Virtus priva di Mannion, per la nota infezione intestinale, che lo terrà fuori ancora una decina di giorni e Udoh, stagione finita, la società è alla ricerca di un nuovo centro. Però Belinelli e Pajola immaginano e creano basket per una batteria di lunghi mobili. Bologna sprinta sul 10-2, Messina, subito nervoso chiama un timeout, poi con il secondo quintetto e i rimbalzi offensivi di Mitoglou l’Olimpia ricuce. Milano si tiene in partita con la difesa nonostante il 39% al tiro. Milos Teodosic, sempre uno spettacolo, firma la tripla del 23-20 alla suono della prima sirena.  La Virtus è più bilanciata nel saldo attacco-difesa e costruisce un gioco offensivo più fluido dei milanesi. Abass prova un nuovo allungo (31-26) che diventa +7 con le magie di Teodosic per l’ottimo Jaiteh. Milano invece arranca incapace di produrre punti contro la difesa schierata. La tripla di Weems vale il +9 .

FINALE DEL GIOVANE FENOMENO DEL NOSTRO BASKET

All’intervallo la Virtus conduce 44-35, e non trema di fronte alla reazione di Hall e Rodriguez, che segna a ripetizione dall’arco dei tre punti. Merito di tutti, ma in particolare di Alessandro Pajola (già 10 punti, 6 assist e 3 rimbalzi) che infiocchetta il +13 che manda Milano alle corde. Il festival delle triple mette un po’ di sale nella coda della partita, Ma Bologna è salda in testa, quattro centri Virtus, tre di Milano e V Nere che toccano anche il +17 (66-49). Al 30’ Virtus avanti 67-55, però  Rodriguez la riapre .Il play spagnolo spinge il controparziale di 15-5 che vale il -7 (64-71). Pajola però è altrettanto lucido, volitivo e preciso, e tiene la Virtus in linea Milano ricuce fino a -6, ma non basta. Il primo trofeo della stagione è della Virtus Bologna, nel tripudio dell’Unipol Arena.


Tags: Olimpia, Pajola, Scariolo, Supercoppa, Virtus, Zanetti

Share this story: