Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Roma: Governo, il Premier Conte in settimana riferirà in Parlamento su Russiagate, tensioni tra M5s e Lega su Autonomie
- Kazakistan: missione Beyond, Luca Parmitano sulla Stazione Spaziale internazionale, fantastico essere qui, il rientro tra 200 giorni, per la prima volta un italiano sarà a capo di una missione sulla ISS
- Roma: raffica di scioperi nei trasporti la prossima settimana, mercoledì stop di tutti i settori, solo gli aerei si fermeranno per 4 ore il 26 luglio
- Roma: migranti, Salvini al collega francese Castaner, Italia non è campo profughi Ue, da giovedì Ong Sos Mediterranèe e MSF di nuovo verso Libia
- Torino: Tav, venti attivisti denunciati per aver appiccato un incendio nel cantiere di Chiomonte, lancio di razzi e petardi contro la polizia
- Roma: torna l'afa in Italia, arrivata una nuova un'ondata di caldo torrido al Centro-Nord, previsti picchi oltre i 35 gradi
- Giappone: oggi si vota per il rinnovo della camera alta del Parlamento, favorito il partito del premier Shinzo Abe
- Roma: lutto nel mondo dello spettacolo, è morta l'attrice Ilaria Occhini, aveva 85 anni
- Calcio: a Singapore la Juventus affronterà il Tottenham in una partita amichevole, fischio d'inizio alle 13,30
- Ciclismo: Tour de France,oggi la 15esima tappa da Limoux a Foix Prat d’Albis, la maglia gialla resta sulle spalle di Alaphilippe
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
15 maggio 2019

Bimba nata da seme congelato ha diritto al cognome del padre

Secondo una sentenza della Cassazione, sono legittimi i figli nati con fecondazione post mortem

Sono legittimi i figli nati con procreazione medicalmente assistita anche quando la fecondazione è avvenuta "post mortem" - una tecnica vietata in Italia dalla legge 40 - con il seme crioconservato del padre, se prima di morire questi ha dato il proprio consenso insieme alla moglie. L'atto di nascita deve riconoscere la paternità e ai bambini va attribuito il cognome paterno. Lo afferma, in un principio di diritto, la Cassazione. La Suprema Corte ha deciso in favore di una donna, in causa con il proprio Comune di residenza, che si e' rifiutato di registrare la paternità e, conseguentemente, di attribuire il cognome del padre alla sua bambina, nata dopo la morte del marito. Risolvendo un 'dilemma' giuridico ha rinviato a un nuovo appello, stabilendo però già, nella sentenza n. 13000 della prima sezione civile, "di rettificare un atto non compilato correttamente". La donna si era sottoposta alla fecondazione in Spagna, dove è consentita anche post mortem, potendo contare sul consenso del marito. Alla nascita della bambina, due anni fa, ha chiesto che fosse registrata la paternità nell'atto di nascita, ottenendo pero' un rifiuto dall'anagrafe. Il tribunale avallò la decisione dell'ufficiale di Stato civile e cosi' anche la Corte d'appello di Ancona. Ma per la Cassazione, quando il padre ha prestato il consenso, sapendo di dover morire, il bambino "è da considerarsi figlio nato nel matrimonio", "dovendosi individuare" nel momento del consenso, "la consapevole scelta alla genitorialità".

Bimba nata da seme congelato ha diritto al cognome del padre