Blue Whale, una tredicenne barese pronta al suicidio

 01 novembre 2018

Nel gioco altre quattro adolescenti, in chat foto e annunci di morte

Una tredicenne della provincia di Bari sarebbe stata coinvolta nel "gioco mortale" della Blue Whale, con altre quattro minorenni. Lo ha scoperto la Polizia, coordinata dalla Procura minorile di Bari, che ha ricostruito la vicenda, riuscendo a salvare la 13enne, arrivata ad un livello già molto avanzato del gioco, al termine del quale è previsto il suicidio. In chat sono state scoperte foto e annunci di morte. Sarebbe stata lei ad amministrare un gruppo WhatsApp chiamato "Panda", oltre ad aver partecipato alle chat di altri gruppi analoghi denominati "Disastro", "Disagio" e "Deupolcuassassino" e al gioco "NoStranger". La ragazza aveva anche un account Instagram dove aveva pubblicato immagini allarmanti ed angoscianti, tra cui la foto di una stazione ferroviaria. Le indagini sono cominciate dopo la segnalazione alla polizia da parte di alcune amiche della ragazza, che si era procurata tagli con la lametta di un rasoio sulle braccia e aveva inviato le immagini ad un'amica.
Blue Whale, una tredicenne barese pronta al suicidio

Share this story: