Bologna, i Portici candidati a patrimonio Unesco

21 gennaio 2020, ore 22:00

L'esito della candidatura deliberata dal Consiglio Direttivo della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco è atteso nel 2021

E' stata deliberata dal Consiglio Direttivo della Commissione Nazionale Italiana per l'Unesco - riunito oggi presso il ministro dei Beni Culturali - la presentazione della candidatura dei Portici di Bologna alla Lista del Patrimonio Mondiale per il 2020. L'esito della candidatura - spiega una nota dello stesso ministero - è atteso nel 2021. Con la decisione di presentare la candidatura a patrimonio dell'Unesco i Portici vengono riconosciuti come "un elemento identificativo della città di Bologna, sia dalla comunità che dai visitatori, e sono un punto di riferimento per uno stile di vita urbano sostenibile, in cui gli spazi religiosi e civili e le abitazioni di tutte le classi sociali sono perfettamente integrate". La presentazione della candidatura, viene sottolineato ancora, "riconosce i Portici di Bologna come il risultato eccellente di un sistema di regolamentazione urbanistica delineato nel corso di nove secoli e come un modello architettonico e al tempo stesso sociale, un luogo di integrazione e scambio in cui i principali protagonisti della città, cittadini, visitatori, studenti, vivono e condividono idee e tempo". A giudizio del presidente della Commissione nazionale, Franco Bernabè, "la presentazione della candidatura dei Portici di Bologna alla Lista del Patrimonio Mondiale per il ciclo 2020-2021, approvata dal Consiglio Direttivo rappresenta la conclusione di un lavoro corale tra società civile e amministratori locali. La candidatura - conclude - mette in evidenza il valore universale del portico come elemento architettonico, culturale e identitario".
Bologna, i Portici candidati a patrimonio Unesco

Share this story: