Botti di Capodanno, a Roma ordinanza ignorata: 9 i feriti, centinaia di uccelli morti, un semaforo va in fiamme

01 gennaio 2021, ore 20:17

Nella zona della Stazione Termini i botti più forti hanno disorientato interi stormi di uccelli, molti sono morti per infarto, altri probabilmente schiantandosi contro dei palazzi


Strage di volatili nella notte al centro di Roma. Centinaia di storni sono stati ritrovati a terra nella zona attorno alla stazione Termini, da via Cavour a piazza Esedra a via Nazionale. Le immagini, filmate da residenti in quelle strade, sono diventate subito virali. In alcuni filmati si vedono stormi impazziti di uccelli, scontrarsi, volando senza orientamento. E’ facile ipotizzare che gli uccelli spaventati e disorientati per i botti di Capodanno si siano schiantati in strada, contro finestre o finiti contro i cavi dell'alta tensione. Un semaforo e' esploso dopo essere stato centrato da un petardo. Le immagini sono state riprese da un abitante in zona  e anche in questo caso, il video e' diventato virale. Vi si vede un petardo centrare la luce rossa del semaforo, in una strada del quartiere Appio a Roma, che esplode.

Un ferito grave, 130 interventi dei vigili del fuoco


Nove persone hanno dovuto fare ricorso alle cure mediche in ospedale per ustioni, abrasioni corneali e lesioni agli arti superiori. Il più grave è un uomo che per l'esplosione di un petardo nella sua casa, ha riportato una contusione bulbare con prognosi di quindici giorni e ferite alle mani. Oltre all’episodio del semaforo esploso, ci sono stati roghi e incendi in punti diversi della città. Il comando dei Vigili del Fuoco ho contato 130 interventi, non tutti legati ai fuochi d’artificio. Quelli legati ai botti sono stati tutti di lieve entità, per incidenti domestici come tende incendiate, botti esplosi male o cassonetti dati alle fiamme.


Le proteste e i propositi delle associazioni animaliste


In una nota, l'Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), scrive: "Ogni anno non facciamo che ripeterlo: la vendita di petardi e fuochi d'artificio va vietata e le aziende riconvertite. Le ordinanze sono inutili, di fatto i controlli non esistono e ogni anno contiamo centinaia di esemplari morti e feriti tra la fauna selvatica e tanti animali domestici feriti o smarriti a causa dei botti e della distrazione dei proprietari. E' tempo che il legislatore rimedi a tale scempio che colpisce anche gli umani. E' questione di salute, ordine pubblico e, soprattutto, di civilta'". La Lav, Lega Antivivisezione annuncia la presentazione di una denuncia alla Procura della Repubblica per l'apertura di una indagine che "possa far luce su tutte le responsabilità, dirette e indirette, che hanno causato la morte diverse centinaia di uccelli la notte di Capodanno". Gli storni, "volando all'impazzata perché terrorizzati anche dai botti, si sono schiantati contro i palazzi della centrale Via Cavour a due passi dalla stazione Termini". La sede LAV di Roma "critica le dichiarazioni di esponenti dell'Amministrazione che null'altro fanno che dispiacersi per l'accaduto davanti a quella che considera una ''tragedia annunciata'' che poteva essere evitata". ''Sono quattro anni che attendiamo il varo del nuovo Regolamento tutela diritti animali comunale che potrebbe e dovrebbe vietare i botti 365 giorni l'anno, dopo che è stata bocciata la nostra richiesta per inserire il divieto nel nuovo Regolamento di polizia urbana . Le ordinanze-fotocopia della sindaca, emanate con formula ''last-minute'' sempre a poche ore dal Capodanno, sono inutili se non si pensa a predisporre un valido sistema di controllo dei quartieri ad opera della Polizia di Roma Capitale, come noi abbiamo sempre richiesto. Nemmeno il centro della città viene presidiato a dovere e proprio questa strage di innocenti, evitabilissima, è lì a testimoniarlo. Ma non ce ne stupiamo poiché, a quanto pare, è la stessa giunta a violare per prima la sua stessa ordinanza facendo esplodere fuochi d'artificio al concerto di Capodanno organizzato dal Comune di Roma ''. La Lega antivivisezione , chiede alla Commissione di Giustizia del Senato che fra pochi giorni inizierà l'esame della nuova Legge contro i maltrattamenti di inserire il divieto valido quindi in tutta Italia, invita i cittadini "a documentare e fargli pervenire altre eventuali morie di uccelli che possono essersi verificate in altri quartieri della capitale".

Botti di Capodanno, a Roma ordinanza ignorata: 9 i feriti, centinaia di uccelli morti, un semaforo va in fiamme
Tags: LAV, OIPA, Uccelli

Share this story: