Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: gilet gialli, il presidente Macron in televisione assicura la massima intransigenza con i violenti, ma annuncia l'aumento dei salari minimi
- Corinaldo (AN): tragedia in discoteca, otto gli indagati, tra loro anche il ragazzo sospettato di aver spruzzato lo spray e i gestori del locale
- Corinaldo (AN): migliorano le condizioni di 4 dei ragazzi rimasti feriti in discoteca, ora respirano autonomamente, gravi altri 3, ma stabili
- Palermo: operazione antimafia, in corso 25 perquisizioni, nel mirino degli investigatori presunti fiancheggiatori del boss latitante Matteo Messina Denaro
- Gran Bretagna: Brexit, il premier Theresa May annuncia il rinvio del voto sull'accordo e chiede a Bruxelles una modifica del testo
- Roma: vasto incendio in un deposito di rifiuti sulla Salaria, in corso operazioni di spegnimento
- Firenze: due medici indagati per la morte di Davide Astori, sono responsabili di centri per l'idoneità allo sport
- Calcio: Champions League, oggi l'ultima giornata della fase a gironi, alle 21.00 Inter-PSV Eindhoven e Liverpool-Napoli
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
11 novembre 2018

Caffè doc al bar, arriva la miscela certificata

La bevanda viene consumata dal 95% degli italiani

Il caffè espresso rappresenta per per il 95% degli italiani un'abitudine consolidata, con una spesa media annua pro-capite pari a 260 euro secondo il Coffee Monitor Nomisma-Datalytics 2018, e con i bar prescelti dai due terzi (72%) dei consumatori. Nonostante tanta tradizione consolidata non sempre però risulta appagante la degustazione della bevanda, scelta nel 58% dei casi per avere la carica necessaria ad affrontare la giornata o per gusto (51%) o per abitudine (30%). E non sempre i conti tornano nei 149mila bar sparsi lungo tutta la Penisola che servono ogni giorno in media 175 tazzine di caffè. Ma il settore punta a girare pagina con la firma del primo patto di filiera sottoscritto dalle torrefazioni e dai pubblici esercizi per garantire, insieme, un caffè espresso doc al bancone. Punto di forza: una miscela di qualità certificata e l'aggiunta della M di marketing alle tradizionali cinque M che garantiscono un caffè di qualità (Macchina, Manutenzione, Miscela, Macinadosatore, Mano dell'operatore). Un soggetto sano, secondo studi medici, può assumere tranquillamente 3-4 tazzine di caffè nell'arco della giornata.

Caffè doc al bar, arriva la miscela certificata