Cashback e lotteria degli scontrini sono stati un flop, non hanno ridotto l'evasione fiscale, lo dice la Cgia di Mestre

14 maggio 2022, ore 13:30

Le due misure erano state pensate per combattere chi non paga le tasse e per far diminuire l'omessa fatturazione, ma, nei fatti, sono state un buco nell'acqua

 Il cashback e la lotteria degli scontrini dovevano dare un colpo letale all'evasione o, quantomeno, ridurre drasticamente quella da omessa fatturazione che, in rapporto a quella totale, ha un'incidenza importante. Entrambe le misure, invece, sono state un flop. O meglio, non hanno prodotto i risultati sperati. A dirlo è stato l'Ufficio studi della Cgia di Mestre.


Il fallimento del cashback

Il cashback, ad esempio, è stato "archiviato" dal governo Draghi che, a partire dal giugno 2021, ne ha sospeso l'applicazione. Perchè non è emersa un'evidente relazione causale tra gli incentivi previsti dal cashback e la diminuzione dell'evasione fiscale e perchè il costo della misura, pari a 4,75 miliardi di euro, appare nettamente superiore alle potenzialità di recupero dell'evasione.


La lotteria degli scontrini

La lotteria degli scontrini, entrata in vigore il primo febbraio dell'anno scorso, sembra, invece, non aver sortito grande interesse tra i contribuenti/consumatori. Stando ai dati dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, se a marzo del 2021 gli scontrini mensili associati alla lotteria avevano sfiorato il picco massimo di 25 mila unità, successivamente c'è stata una costante contrazione; lo scorso autunno il numero mensile è sceso poco sopra le 5 mila unità. Si segnala che solo di alimentari e bevande analcoliche, le famiglie nel 2020 hanno realizzato acquisti mensili per 12 miliardi di euro


Cashback e lotteria degli scontrini sono stati un flop, non hanno ridotto l'evasione fiscale, lo dice la Cgia di Mestre
Tags: Cashback, Cgia, Mestre

Share this story: