Caso Suarez, Andrea Agnelli ha spiegato che la vicenda è stata gestita in autonomia dal dg Fabio Paratici

28 aprile 2021, ore 18:21 , agg. alle 12:47

Concluse da qualche giorno le indagini per il caso dell'esame di Suarez, i reati ipotizzati sono falsità ideologica e rivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio


Nei giorni scorsi la procura ha notificato l'avviso di conclusione indagini, per l’esame di italiano per Suarez, all'ex rettrice dell’Università di Perugia Giuliana Grego Bolli, all'allora direttore generale Simone Olivieri, alla professoressa Stefania Spina e all'avvocato Maria Cesarina Turco, che lavora in uno studio del quale la Juventus è cliente. Falsita' ideologica e rivelazione e utilizzazione di segreti d'ufficio sono i reati i reati ipotizzati a vario titolo.

LA DEPOSIZIONE DI ANDREA AGNELLI

Il presidente della Juventus Andrea Agnelli nella testimonianza resa davanti ai pm di Perugia lo scorso gennaio nell'ambito dell'inchiesta, disse di essere venuto a conoscenza dell'esame sostenuto dal calciatore Luis Suarez all'Università per Stranieri di Perugia, "dai giornali" . Questo è quanto emerge dal verbale di sommarie informazioni della testimonianza acquisita dalla procura di Perugia. Agnelli riferì anche nell’occasione che l’attaccante uruguagio si era proposto alla Juve con un sms inviato a Pavel Nedved.


PARATICI SI MUOVE IN AUTONOMIA, NEI LIMITI DEL BUDGET

Ho chiamato il calciatore una volta sola, per ringraziarlo della proposta, che per noi è comunque motivo di vanto. Ha detto anche Andrea Agnelli.  ''Paratici, come direttore sportivo, ha ampia delega nei limiti del budget assegnato. A lui compete la scelta in relazione all'ingaggio dei calciatori. Naturalmente mi informa in modo occasionale e casuale; durante le mie visite al centro sportivo capita di essere aggiornato in merito alle opportunità in corso''. Andrea Agnelli ha spiegato così come funziona la catena dirigenziale bianconera, dicendo anche di non ricordare chi lo informò della difficoltà del tesseramento del calciatore, perché non era comunitario, ma che per logica dovrebbe essere Paratici. Insomma nessun contatto tra Agnelli e i legali della Juve. “Accadde – mi pare - al mio rientro in attività dopo un periodo di isolamento volontario, che fu dovuto alla positività al Covid del presidente De Laurentis, che incontrai all'assemblea della Lega calcio il 9 settembre. Al mio rientro la società si stava già muovendo su Dzeko".


ANCHE CON I MINISTRI CONTATTI SOLO CON PARATICI

Al presidente juventino è stato poi chiesto: Quando sono state rese note le notizie relative ai contatti tra lo staff della società, il ministro delle Infrastrutture e il ministero degli Interni in relazione alla vicenda ha chiesto spiegazioni? ''Si, ma la cosa non mi ha sorpreso, perché sono a conoscenza di rapporti personali di amicizia risalenti tra Fabio Paratici e Paola De Micheli e trattandosi di mera richiesta di informazioni sull'ufficio da contattare non mi è parso ci fosse nulla di strano''.

Caso Suarez, Andrea Agnelli  ha spiegato che la vicenda è stata gestita in autonomia dal dg Fabio Paratici
Tags: AGNELLI, JUVENTUS, NEDVED, PARATICI, PERUGIA, SUAREZ

Share this story: