Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Agrigento: interrogatorio per 6 ore il comandante della Sea Watch, perquisita la nave ancora sotto sequestro a LIcata
- Roma: modifiche al decreto sicurezza, restano le multe per le navi delle ong che non rispettano le regole, saltano quelle per il soccorso ai migranti
- Roma: intercettata busta contenente un proiettile indirizzata a Salvini, il ministro degli interni, non mi fanno paura
- Roma: caso Cucchi, l'Arma dei carabinieri, il ministero della Difesa e il Viminale chiedono di costituirsi parte civile nel processo sui presunti depistaggi
- Roma: torna libera Debora Sciacquatori, la 19enne che ha ucciso il padre violento, accusa derubricata in eccesso colposo di legittima difesa
- Francia: Ocse su situazione economica dell'Italia, secondo l'Economic Outlook crescita stagnante nel 2019, modesta nel 2020
- Bruxelles: via libera dall'Ue, dal 2021 vietati oggetti in plastica monouso come piatti, posate e cannucce
- Gb: Brexit, premier May apre alla possibilità che la Camera dei Comuni voti un emendamento che chieda un secondo referendum
- Mirandola (Mo): incendio nella sede della Polizia municipale, due morti e due feriti, arrestato un nordafricano
- Automobilismo: morto a 70 anni l'ex pilota austriaco Niki Lauda, leggenda della F1, tre volte campione del mondo
- Calcio: corsa alla panchina della Juventus, entra in scena Zidane, buone chances per Sarri, Conte sempre più vicino all'Inter
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
20 febbraio 2019

Cassazione, 25 anni a padre Graziano per la morte di Guerrina

Il frate congolese è stato condannato in via definitiva per omicidio e soppressione di cadavere

La Cassazione ha condannato in via definitiva a 25 anni il frate congolese Gratien Alibi, per la morte di Guerrina Piscaglia, scomparsa da un piccolo paese dell'Aretino il primo maggio 2014. Secondo l'accusa il religioso, conosciuto nella sua comunità come padre Graziano, ha ucciso la donna con cui aveva una relazione e ne ha soppresso il cadavere. Dopo circa tre ore di camera di consiglio, la prima sezione penale della Cassazione respinto il ricorso presentato dalla difesa di padre Graziano, confermando la condanna emessa dalla Corte d'assise d'appello di Firenze il 14 dicembre 2017. In primo grado il frate, che non ha mai confessato il delitto, era stato condannato a 27 anni. Guerrina Piscaglia, 50 anni, è scomparsa da Ca' Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove viveva con la famiglia, e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia. Le indagini hanno ricostruito che tra i due vi era una relazione, confermata dalle testimonianze di persone amiche e dei numerosi contatti telefonici: 4.027 in quattro mesi. Secondo i giudici d'appello padre Graziano ha ucciso la sua amante in un momento di rabbia, dopo la richiesta della donna di dare una connotazione diversa alla loro storia, sotto la minaccia di rivelare tutto ai suoi superiori. L'uomo ha quindi fatto sparire il corpo e depistato le indagini.

Cassazione, 25 anni a padre Graziano per la morte di Guerrina