Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Milano: Matteo Salvini a Rtl 102.5, non gioisco per l'arresto dei genitori di Renzi, voglio vincere con le idee, Tiziano Renzi su Facebook, accuse contro di me sono false
- Milano: Matteo Salvini a Rtl 102,5, non ci sarà gruppo della Lega con il Movimento 5 stelle al Parlamento Europeo, conferma anche dal M5S
- Roma: figlia ex ambasciatore della Corea del Nord portata a Pyongyang, M5S, Salvini riferisca
- Catania: caso Diciotti, chiesta archiviazione per Conti, Di Maio e Toninelli
- Milena (Cl): arrestata insegnante di una scuola dell'infanzia per maltrattamenti sui bimbi, la donna ha 60 anni
- Milano: Salvini a Rtl 102.5 su proposta quote musica italiana, il Parlamento non deciderà mai quale musica venga programmata dalle radio
- Calcio: Champions League, andata degli ottavi di finale, alle 20.45 Atletico Madrid-Juventus e Schalke 04-Manchester City
- Calcio: respiro di sollievo per Sami Khedira, risolta con ablazione cardiaca l'aritmia del giocatore tedesco della Juventus, rientrerà tra un mese
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
09 febbraio 2019

Cgia, 4 giugno giorno della liberazione fiscale

Diffusi a Mestre dati sulla pressione fiscale

A seguito dell'aumento della pressione fiscale che, secondo il Ministero dell'Economia, nel 2019 è destinata ad attestarsi al 42,3 per cento (+0,4 rispetto l'anno prima), solo il prossimo 4 giugno gli italiani celebreranno il tanto sospirato giorno di liberazione fiscale (o ''tax freedom day''). E - come sottolinea l'Ufficio Studi della Cgia di Mestre - rispetto al 2018 il contatore del fisco si rimette in moto: di un solo giorno, ma torna a crescere. In altre parole, dopo più di 5 mesi dall'inizio del 2019 (pari a 154 giorni lavorativi inclusi i sabati e le domeniche), il contribuente medio italiano smette di lavorare per assolvere a tutti gli obblighi fiscali dell'anno (Irpef, accise, Imu, Tasi, Iva, Tari, addizionali varie, Irap, Ires, etc.) e dal 4 giugno inizia a guadagnare per se stesso e per la propria famiglia. La Cgia sottolinea come "se consideriamo che la giornata lavorativa inizia convenzionalmente alle 8, ogni giorno ciascun italiano medio lavora per pagare le tasse e i contributi fiscali sino alle 11:23, vale a dire quasi 3 ore e mezza al giorno. Mentre gli rimangono solo 4 ore e mezza per ''costruirsi'' il reddito o la retribuzione netta".


Cgia, 4 giugno giorno della liberazione fiscale