Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Roma: oggi ultimo giorno di campagna elettorale per le elezioni europee, si vota domenica dalle 7.00 alle 23.00
- Milano: il ministro dell'Interno Salvini a Rtl 102.5, voglio portare al 15% le tasse in Italia, ma l'Europa dice no, bisogna cambiare regole e vincoli con Bruxelles
- Milano: Matteo Salvini a Rtl 102.5, la norma sull'abuso d'ufficio va cambiata, altrimenti l'Italia si blocca, ma Di Maio ribadisce il suo No
- Londra: il premier Teresa May annuncia con commozione le dimissioni per il 7 giugno, profondo rammarico per non essere riuscita ad attuare la Brexit
- Genova: la Procura apre una inchiesta sui poliziotti che ieri hanno malmenato un giornalista al seguito di una manifestazione
- Torino: leggermente migliorate, ma sempre molto gravi, le condizioni della neonata partorita dopo che la madre era stata investita sulle strisce da un pirata della strada
- Lamezia Terme (CZ): arrestato un maestro d'asilo di 64 anni, accusato di violenza sessuale su minori
- Usa: abusi sessuali a Hollywood, il produttore Harvey Weinstein va verso un patteggiamento da 44 milioni di dollari
- Losanna: il CIO promuove la candidatura di Milano e Cortina per le Olimpiadi Invernali del 2026, soddisfa tutti i criteri, rilevate criticità per Stoccolma
- Calcio: Maurizio Sarri di nuovo in pole position per la Juventus, a Londra avrebbe incontrato il dirigente bianconero Fabio Paratici
- Ciclismo: Giro d'Italia, oggi la 13esima tappa con arrivo in salita a Ceresole Reale, in maglia rosa lo sloveno Polanc
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
05 dicembre 2018

Chanel dice basta alle pelli di coccodrillo, pitone e serpente

L'azienda si aggiunge, così, ad altri importanti marchi di lusso che hanno già rinunciato alle pellicce

Chanel rinuncia alle pelli esotiche. Lo annuncia la stessa maison in una nota diffusa a poche ore dalla sfilata al Met di New York, della collezione Metiers d'Art. "Stiamo rivedendo le nostre catene di approvvigionamento", si legge nella nota, "per garantire che soddisfino le nostre aspettative d'integrità e tracciabilità. In questo contesto sta diventando sempre più difficile procurarsi pelli esotiche che corrispondano ai nostri standard etici. Così abbiamo deciso di modificare il nostro approccio e di non utilizzare più le pelli esotiche nelle nostre creazioni future". Nella nota viene precisato che i pellami a cui la maison rinuncia sono coccodrillo, lucertola, pitone e galuchat. Una svolta etica che inserisce Chanel, massima espressione dello chic femminile d'oltralpe, nella famiglia allargata del lusso etico, assieme a tutti gli stilisti e alle griffe che hanno già detto stop alle pellicce: da Giorgio Armani a Versace, da Burberry a Michael Kors, da Ralph Lauren a Gucci, fino alla pioniera del fur free, Stella McCartney, che ha trasformato la sua borsa in ecopelle circondata da catene metalliche in un modello cult.

Chanel dice basta alle pelli di coccodrillo, pitone e serpente