Chernobyl, nel reattore 4 reazioni di fissione nucleare 35 anni dopo il disastro

10 maggio 2021, ore 20:00 , agg. alle 10:16

Registrate reazioni di fissione nelle masse di uranio sepolte all'interno di uno dei reattori, la causa non è ancora chiara

Il reattore numero 4 della centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina, torna improvvisamente a preoccupare, 35 anni dopo l'esplosione che causò il disastro. Nuove fissioni nucleari sono state registrate dagli strumenti di controllo nelle masse di uranio sepolte, mettendo immediatamente in allarme gli esperti. Ancora ignota la causa. ll reattore numero 4, dove si verificò l'incidente nel 1986, è coperto da un 'sarcofago' di cemento e acciaio, che è stato ulteriormente rafforzato da una nuova struttura nel 2016. Secondo Neil Hyatt, chimico dei materiali nucleari all'Università di Sheffield, il combustibile è "come i tizzoni in un barbecue". Gli scienziati ucraini ipotizzano che possa trattarsi di una conseguenza della disidratazione del combustibile nucleare rimasto sepolto dopo la catastrofe.


35 anni fa l'incidente

Il 26 aprile del 1986 il nucleo del reattore dell'Unità quattro si fuse, le barre di combustibile di uranio, il loro rivestimento di zirconio, le barre di controllo di grafite e la sabbia scaricata sul nucleo per cercare di spegnere l'incendio si mescolarono insieme, creando una lava altamente radioattiva. Questa è fluita nei locali sotterranei del reattore e si è indurita in formazioni chiamate Fuel Containing Materials (FCMs), materiali contenenti combustibile, che contengono circa 170 tonnellate di uranio irradiato. La ripresa dell'attività di fissione potrebbe essere un effetto dell'installazione del gigantesco nuovo sarcofago costato 1.5 miliardi di euro, che tiene confinati in sicurezza i materiali radioattivi della centrale e tiene lontana la pioggia che prima si infiltrava nelle rovine della centrale. Poiché l'acqua rallenta, o modera, i neutroni e quindi aumenta le loro probabilità di colpire e scindere i nuclei di uranio, le piogge pesanti a volte mandavano il conteggio dei neutroni alle stelle. Per effetto nel nuovo sarcofago l'acqua non penetra più, e in alcune stanze sotterranee della centrale il livello di acqua si è ridotto significativamente, mentre altre si sono asciugate completamente.  I livelli di neutroni sono rimasti stabili in molte parti della centrale e in alcune sono anche scesi, ma hanno cominciato a salire in altri punti, quasi raddoppiando in 4 anni. Secondo gli esperti l'essiccazione del combustibile sta aumentando la scissione dei nuclei di uranio nella massa di ex combustibile, anche se non è ancora ben chiaro il meccanismo.


Chernobyl, nel reattore 4 reazioni di fissione nucleare 35 anni dopo il disastro
Tags: Chernobyl, reattore 4, Ucraina

Share this story: