Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Agrigento: interrogatorio per 6 ore il comandante della Sea Watch, perquisita la nave ancora sotto sequestro a LIcata
- Roma: modifiche al decreto sicurezza, restano le multe per le navi delle ong che non rispettano le regole, saltano quelle per il soccorso ai migranti
- Roma: intercettata busta contenente un proiettile indirizzata a Salvini, il ministro degli interni, non mi fanno paura
- Roma: caso Cucchi, l'Arma dei carabinieri, il ministero della Difesa e il Viminale chiedono di costituirsi parte civile nel processo sui presunti depistaggi
- Roma: torna libera Debora Sciacquatori, la 19enne che ha ucciso il padre violento, accusa derubricata in eccesso colposo di legittima difesa
- Francia: Ocse su situazione economica dell'Italia, secondo l'Economic Outlook crescita stagnante nel 2019, modesta nel 2020
- Bruxelles: via libera dall'Ue, dal 2021 vietati oggetti in plastica monouso come piatti, posate e cannucce
- Gb: Brexit, premier May apre alla possibilità che la Camera dei Comuni voti un emendamento che chieda un secondo referendum
- Mirandola (Mo): incendio nella sede della Polizia municipale, due morti e due feriti, arrestato un nordafricano
- Automobilismo: morto a 70 anni l'ex pilota austriaco Niki Lauda, leggenda della F1, tre volte campione del mondo
- Calcio: corsa alla panchina della Juventus, entra in scena Zidane, buone chances per Sarri, Conte sempre più vicino all'Inter
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
23 febbraio 2019

Colombia, si tatua il nome del figlio ma poi scopre che non è suo

L'uomo ha trovato delle conversazioni su Whatsapp in cui la fidanzata confidava all'ex ragazzo che il bambino era suo, dopo averlo certificato col test del DNA

Pedro Pablo Santo Domingo, 22enne colombiano, era felicissimo di diventare presto padre. Talmente felice che, una volta scoperto il sesso del bambino, ha subito deciso di tatuarsi il nome che aveva scelto con la madre: Benjamin. Un tatuaggio non certo piccolo ma che va da spalla a spalla sulla schiena. La gioia, però, si è trasformata in furia violenta quando ha scoperto che il figlio non era suo. Pedro Pablo ha, infatti, letto delle conversazioni su Whatsapp in cui la fidanzata confidava all'ex ragazzo che il bambino era suo (tesi poi confermata dal DNA) e che voleva ricucire i rapporti per crescere il figlio insieme. Il giovane, sotto gli effetti dell'alcol, non ha saputo gestire l'ira e ha picchiato violentemente la compagna con un bastone. A salvare la donna sono stati poi i vicini che hanno subito allertato le forze dell'ordine. L’uomo è stato arrestato ma è stato poi subito rilasciato dopo aver raccontato la sua storia alle autorità. Gli psicologi lo aiuteranno a superare il trauma.

Colombia, si tatua il nome del figlio ma poi scopre che non è suo