Coronavirus, Direttiva del ministero dell'Interno, controlli su strada, aeroporti e stazioni

09 marzo 2020, ore 00:07

Rischia fino a tre mesi di carcere chi viola la quarantena

Il Ministero dell’Interno ha messo a punto la direttiva per l’attuazione dei controlli nelle aree della Lombardia e delle 14 province per contenere l’epidemia di Covid-19.

GLI SPOSTAMENTI

I controlli sugli spostamenti nelle aree di sicurezza potranno avvenire solo se motivati da esigenze lavorative o situazioni di necessità o per motivi di salute e dovranno essere attestare da autodichiarazione dei moduli forniti dalle forze di polizia. Queste autocertificazioni potranno essere soggette a controlli. Divieto assoluto di viaggiare per le persone sottoposte a quarantena o che sono risultate positive al virus. Chi viola questa disposizione rischia fino a tre mesi di carcere.

A CHI SPETTANO I CONTROLLI

I controlli sul rispetto delle limitazioni agli spostamenti saranno attuati su autostrade e principali strade e saranno eseguiti dalla Polizia Stradale mentre Carabinieri e polizie municipali si occuperanno della viabilità ordinaria. Controlli saranno effettuati anche alle stazioni ferroviarie, negli aeroporti lombardi e delle 14 province.

VENEZIA

Un capitolo a parte riguarda poi i controlli che verranno effettuati a Venezia per le navi da crociera: i passeggeri non potranno sbarcare per visitare la città, ma secondo la direttiva potranno transitare unicamente per rientrare nei luoghi di residenza o nei paesi di provenienza. Il Viminale ribadisce infine che spetta al prefetto il monitoraggio dell'attuazione delle misure previste in capo alle varie amministrazioni.

Coronavirus, Direttiva del ministero dell'Interno, controlli su strada, aeroporti e stazioni
Tags: Viminale, Coronavirus

Share this story: