Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Catania: rifiuti smaltiti illegalmente, sequestro preventivo della nave Aquarius, 24 gli indagati, sotto accusa la Ong Medici Senza Frontiere
- Libia: Ong Mediterranea, forze libiche hanno fatto irruzione su nave Nivin, bloccata a Misurata, violenze sui migranti
- Roma: via libera alla demolizione di otto ville abusive del clan Casamonica, il sindaco Raggi, giornata storica, Salvini, un bel segnale
- Varese: quindicenne sequestrato e torturato da quattro coetanei in un garage, sarebbe stato legato a una sedia con fili elettrici e picchiato
- Crotone: tromba d'aria investe un treno locale a Roccabernarda, finestrini in frantumi, feriti in modo lieve alcuni passeggeri
- Usa: incendi in California, sale a 79 il bilancio delle vittime, 700 i dispersi
- Calcio: questa sera alle 20.45, a Genk, in Belgio, l'amichevole Italia-Stati Uniti, radiocronaca diretta integrale su Rtl 102.5
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
24 ottobre 2018

Corsa contro il tempo per salvare il piccolo Alessandro

Per salvare il piccolo da una malattia genetica rarissima servirebbe un midollo compatibile

Alessandro ha un anno e mezzo, vive a Londra con i genitori italiani, papà Paolo veneto e mamma Cristiana napoletana. Questa famiglia sta lottando contro il tempo: il piccolo è affetto da una malattia genetica rara, l’Hlm (colpisce solo lo 0,002 dei bambini). Il piccolo Ale, occhioni azzurri, potrebbe andarsene troppo presto, ha bisogno di aiuto. A Londra il bambino è curato con un farmaco sperimentale che, una volta metabolizzato dal corpo, non farà più effetto e nessuno è in grado di prevedere quanto quest’effetto durerà. E’ una corsa contro il tempo. Un destino crudele ha condannato Alessandro e potrebbe portarselo via in pochi mesi. Rimane solo una possibilità: il trapianto di un midollo osseo compatibile. Una ricerca lunga e difficile, considerando che non ce n’è uno compatibile in tutti i registri mondiali dei donatori. I genitori hanno affidato ai social il loro disperato messaggio d’aiuto e sono in tantissimi ad essersi mobilitati: Gigi D’Alessio , il coordinamento dei presidi delle scuole superiori campane, le tifoserie della curva B dello stadio San Paolo, ma soprattutto la famiglia del piccolo e l’ADMO stanno organizzando punti di raccolta nelle piazze,dove chiunque (purché maggiorenne e non più che 35enne) può sottoporsi al prelievo. “Donare il midollo osseo non comporta nulla di invasivo. E’ come donare il sangue, uguale. Un prelievo in vena” ha spiegato il papà del piccolo. Alessandro ha tutto il diritto di vivere e ha bisogno dell’aiuto e della solidarietà di tutti.

Corsa contro il tempo per salvare il piccolo Alessandro