Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: gilet gialli, il presidente Macron in televisione assicura la massima intransigenza con i violenti, ma apre ai manifestanti con l'aumento dei salari minimi
- Corinaldo (AN): tragedia in discoteca, otto gli indagati, tra loro anche il ragazzo sospettato di aver spruzzato lo spray e i gestori del locale
- Corinaldo (AN): migliorano le condizioni di 4 dei ragazzi rimasti feriti in discoteca, ora respirano autonomamente, gravi altri 3, ma stabili
- Pavia: spray urticante in una scuola superiore, 30 ragazzi intossicati, episodio simile anche in un istituto di Mantova
- Gran Bretagna: Brexit, il premier Theresa May annuncia il rinvio del voto sull'accordo, ora sarebbe respinto
- Firenze: due medici indagati per la morte di Davide Astori, sono responsabili di centri per l'idoneità allo sport
- Calcio: Champions League, oggi l'ultima giornata della fase a gironi, alle 21.00 Inter-PSV Eindhoven e Liverpool-Napoli
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
12 novembre 2018

Crollo ponte Genova, demolizione il 15 dicembre, nuovo 2020

Lo ha detto il sindaco di Genova e commissario alla ricostruzione, Marco Bucci

La demolizione di Ponte Morandi comincera' il 15 dicembre. Lo ha annunciato il sindaco di Genova e commissario alla ricostruzione Marco Bucci durante una intervista a SkyTg24. "Il mio piano prevede che da quel giorno potranno partire i lavori di demolizione. Noi abbiamo un progetto che prevede la partenza delle lettere d'invito, l'elaborazione dei dati e la scelta del progetto entro la fine di novembre. I lavori partiranno non appena il ponte sara' dissequestrato. Appena avremo scelto il progetto lo manderemo immediatamente al procuratore e al gip per includere le loro osservazioni nel progetto e partire. Siamo d'accordo con il procuratore che lavoreremo in questo modo", ha detto Bucci. Intanto sul fronte dell'inchiesta, si e' avvalso della facolta' di non rispondere Paolo Berti, direttore delle operazioni centrali di Autostrade, numero tre della societa'. Berti, indagato insieme a altre 20 persone e alle due societa' (Aspi e Spea), e' comparso davanti ai magistrati e all'uscita non ha rilasciato dichiarazioni. Finora l'unico di Autostrade a parlare con gli inquirenti e' stato Mario Bergamo, ex direttore delle manutenzioni.

Crollo ponte Genova, demolizione il 15 dicembre, nuovo 2020