Da domani l’Italia sarà un'unica zona bianca. Stop alle mascherine all’aperto. Obbligatorie invece al chiuso

27 giugno 2021, ore 20:00

L’Italia da domani sarà un’unica zona bianca. Non sarà più obbligatorio usare la mascherina all’aperto, anche se dovremo portarla sempre con noi

Da domani, lunedì 28 giugno, non sarà più obbligatorio portare la mascherina all’aperto, anche se dobbiamo portarla sempre con noi. Andrà indossata quando non è possibile mantenere la distanza di sicurezza e soprattutto quando si entra in un luogo chiuso. Da domani tutta l’Italia sarà un’unica zona bianca e quindi si vedranno allentate le restrizioni anti Covid, anche se a detta degli esperti, bisogna sempre fare attenzione alla variante Delta, che è quella che preoccupa gli esperti in questi giorni. La mascherina è uno dei simboli della pandemia e il Comitato tecnico Scientifico invita comunque alla prudenza, anche perché non tutti gli italiani hanno ancora ricevuto la vaccinazione.


Dove stare senza mascherina

Potremo togliere la mascherina quando si sta all’aperto e la regola vale solo per tutte le regioni in zona bianca e dove non sussistano rischi per contrarre il virus. Secondo l’ultimo monitoraggio, da domani tutta l’Italia sarà in questa fascia, quindi si potrà circolare liberamente senza protezione di naso e bocca. Ma attenzione, se la situazione epidemiologica dovesse cambiare, la regola sarà tolta, dicono gli esperti.


Dove è obbligatoria la mascherina

Quello che scatta domani non è un liberi tutti, ma in determinate situazioni, anche nelle regioni in fascia bianca, sarà obbligatorio, innanzitutto portare sempre con se il dispositivo di protezione di naso e bocca, e indossarlo nei luoghi chiusi come bar, ristoranti, negozi e centri commerciali, o comunque in situazioni di assembramento. Soprattutto se si sta al ristorante, si potrà togliere la mascherina per mangiare, mentre sarà obbligatorio indossarla quando si va al bagno o alla cassa per pagare. Camerieri e dipendenti dei locali dovranno sempre indossare il dispositivo di protezione di sano e bocca. Discorso simile per chi viaggia in treno o aereo. È sempre obbligatoria la mascherina.


La campagna seconda mete preferita per le vacanze sicure

La Coldiretti stima che con la fine dell'obbligo delle mascherine all’aperto, le aziende che operano nelle campagne risparmieranno almeno 40 milioni di euro in vista di alcune importante scadenze per il settore, ovvero quello della vendemmia e quello della raccolta di frutta e olive. Sono circa un milione i lavoratori delle campagna che da domani potranno lavorare senza portare la mascherina, visto che la maggior parte dell’attività si svolge in aperta campagna, spesso in aree isolate e, sottolinea la maggiore associazione di rappresentanza e assistenza dell'agricoltura italiana, le fattorie sono i luoghi più sicuri per difendersi dal contagio. Non a caso il 17% degli italiani ha scelto di trascorrere le vacanze estive 2021 in campagna, parchi naturali e oasi, tra verde ed enogastronomia. Un’indagine Coldiretti/Notosondaggi ha messo in evidenza che quest’anno la campagna è la seconda meta delle vacanze subito dopo il mare. E questo proprio per l’effetto dell’emergenza che ha modificato i programmi per buona parte degli italiani che hanno riscoperto questo tipo di relax. Gli agriturismi sono tra le mete preferite perché, sempre secondo Coldiretti è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche.


Da domani l’Italia sarà un'unica zona bianca. Stop alle mascherine all’aperto. Obbligatorie invece al chiuso
Tags: Covid, mascherina all'aperto, zona bianca

Share this story: