Diciannove milioni di anni fa il 90% degli squali della terra morì e gli scienziati non sanno perché

13 giugno 2021, ore 16:30 , agg. alle 12:22

La scoperta recente ha lasciato i ricercatori sbalorditi

Una morte di massa misteriosa

Circa 19 milioni di anni fa, il 90% degli squali del mondo che vivevano in mare aperto è morto e gli scienziati non sanno perché. La recente scoperta ha lasciato i ricercatori sbalorditi, incapaci di spiegare  quanto accaduto e quale sia stata la causa della strage di uno dei predatori più potenti dell'oceano. Tutto è emerso quando la scienziata Elizabeth Sibert e il suo team hanno iniziato a studiare la presenza nell'oceano di pesci e squali negli ultimi 80 milioni di anni. "Ci siamo imbattuti in questa cosa completamente per caso perché quello che abbiamo rilevato è stato che tutto era abbastanza stabile fino a circa 20 milioni di anni, quando gli squali sono diminuiti in abbondanza di oltre il 90%", ha detto alla CNN Sibert, oceanografa e paleontologa della Yale University. "Abbiamo scoperto che gli squali stavano incredibilmente bene in mare aperto fino a questo momento in cui sono praticamente scomparsi. Non ne avevamo idea perché nessuno aveva mai studiato la cosa".


Una popolazione decimata

A quel tempo, 19 milioni di anni fa, il numero degli squali negli oceani era 10 volte maggiore di oggi. La morte di massa ha ucciso il doppio degli esemplari che erano scomparsi durante l'estinzione di massa del Cretaceo-Paleogene, 66 milioni di anni fa "che ha spazzato via tre quarti delle specie vegetali e animali sulla Terra", secondo quanto scritto nel comunicato stampa dello studio. "Davvero, davvero non sappiamo nulla", ha detto Sibert. "Questo particolare intervallo nella storia della Terra non è poi così ben conservato nei sedimenti marini profondi che osserviamo. È difficile trovare luoghi adatti per fare ulteriori studi". Sibert e il suo team hanno poche teorie. Poiché gli squali sono intimamente legati all'ambiente in cui vivono, è probabile che ci sia stato un intenso cambiamento ambientale. È improbabile che la perdita possa essere attribuita a un altro predatore a meno che non sia uno che non ha reperti fossili esistenti. "È possibile che sia successo qualcosa di grosso, ma qualunque cosa fosse è stato molto rapido", ha detto Sibert. "Il sistema della Terra è stato in grado di correggerlo, ma questi grandi predatori, questi squali che vivevano in mare aperto, devono essere stati molto sensibili a questo rapido cambiamento ambientale. Ma questa è ancora solo un'ipotesi". I ricercatori non sanno quanto tempo ci sia voluto per sradicare gli squali. Potrebbe esserci voluto un solo giorno, o forse 50 anni, o anche 100.000. La scoperta ha lasciato i ricercatori con molte domande senza risposta: questo fenomeno ha avuto un impatto su altri squali in altre parti dell'oceano nello stesso momento? Ha avuto un impatto su altre creature che vivono nell'oceano o sulla terraferma? Soprattutto, cosa è successo esattamente? "Speriamo che il nostro studio susciterà interesse nel resto della comunità scientifica per scavare in questo intervallo di tempo", ha detto Sibert. "Deve essere successo qualcosa di veramente grande perché ha avuto un impatto su questo gruppo davvero incredibile di organismi che francamente sono sopravvissuti a grandi cambiamenti globali negli ultimi 400 milioni di anni".
Diciannove milioni di anni fa il 90% degli squali della terra morì e gli scienziati non sanno perché
Tags: oceani, scienziati, squali

Share this story: