Donnavventura nei segreti delle US Virgin Islands

29 aprile 2016, ore 14:43 , agg. alle 14:58

Appuntamento in Onorevole Dj su RTL 102.5 ogni venerdì alle ore 19 con Federica Gentile e Federico Vespa

A raccontarci i segreti del trekking subaqueo e delle US Virgin Islands è Francesca. Appuntamento in Onorevole Dj su RTL 102.5 ogni venerdì alle ore 19 con Federica Gentile e Federico Vespa. "Tutto è iniziato con un click in un freddo pomeriggio d’inverno. - spiega Francesca - Un computer, un questionario da compilare, una foto da allegare e un INVIO….”registrazione avvenuta con successo”. Quasi non ci pensavo più quando è arrivata l’email di convocazione alla prima selezione e in men che non si dica mi sono ritrovata Donnavventura, in partenza per la prima spedizione, grazie alla quale ho potuto visitare posti meravigliosi, tra cui le US Virgin Islands, una corona di isole coralline a forma di perla che decorano il Mar dei Caraibi, dove la sabbia ha il colore della vaniglia".
Donnavventura nei segreti delle US Virgin Islands
L’arcipelago è composto da tre isole principali: St. Thomas, St. John e St. Croix, contornate da una manciata di scogli e isolotti per lo più disabitati.

La prima che visitiamo è St. Croix, antico possedimento olandese dove per due secoli si è coltivata la canna da zucchero, un’isola tranquilla e aristocratica, dove permane ancora il suo passato coloniale. Nel centro di Christiansted, la capitale, sopravvive, ancora oggi ben conservato, l’antico fortino danese, che proteggeva i cittadini dagli attacchi dei pirati, dagli uragani e dalle rivolte degli schiavi.

Verso sera raggiungiamo la Salt River Bay, una riserva bioecologica protetta, per fare kajak. In questa baia riparata, di notte quando tutte le luci sono spente, si può ammirare il fenomeno della bio illuminazione: il contatto del plancton con altri esseri viventi crea un fenomeno marino luminoso meraviglioso. Per me una delle esperienze più affascinanti vissute fino ad ora: solo noi, il rumore dell’acqua e un’infinità di stelle!

Un idrovolante ci conduce l’indomani a St. Thomas, la più grande delle tre isole, dove abbiamo potuto sperimentare il Sea Trekking, una delle più esclusive avventure che io abbia mai fatto! Una camminata in fondo al mare, a 6 metri di profondità, lungo la barriera corallina brulicante di vita, colori e ritmo. Uno scafandro fornisce tutta l’aria, il peso e la stabilità permettendo di camminare sul fondo del mare respirando tranquillamente. E al rientro subito un’altra sfida emozionante: una regata in barca a vela!

Approdiamo infine a St. John, la più selvaggia, rinomata per le sue spiagge incantevoli, dove sorge un villaggio irreale, Cruz Bay, piccolo e pittoresco, un villaggio di pescatori dove il tempo sembra essersi fermato.Quest’isola è per lo più incontaminata: quasi tre quarti della sua superficie sono infatti occupati dal Virgin Islands National Park. Nei primi anni ’50 il milionario americano Laurence Rockfeller scoprì St. John, all’epoca praticamente deserta, e se ne innamorò. Iniziò ad acquistare grandi appezzamenti di terreno, costruì il Caneel Bay Resort e donò oltre 2023 ettari al governo statunitense. Quest’area è divenuta ufficialmente un parco nazionale nel 1956 e non abbiamo potuto fare a meno di visitarlo!

Tantissimi i contrasti di quest’isola: il verde della foresta pluviale, l’azzurro del mare, le spiagge bianche, le casette degli isolani dalle tinte pastello e lo splendido colore arancione dei manghi maturi su alberi immensi rimarranno per sempre indelebili nei nostri ricordi.

Arrivederci Virgin Islands!


Francesca è nata a Roma il 15/08/76, dopo la laurea in Economia e Commercio si trasferisce a New York dove vive e lavora per un paio di anni. Proprio in questa città scopre la sua passione per la fotografia che solo recentemente decide di trasformare nella sua professione. Del segno del leone, grande amante della natura e dei viaggi è sempre alla ricerca di una nuova destinazione. Il suo sogno nel cassetto è quello di diventare una brava fotoreporter di viaggio e le sue riviste preferite sono il National Geographic, Qui Touring e Cosmopolitan. Vive e lavora a Roma ma solo fino al suo prossimo viaggio.

Del segno del leone, grande amante della natura e dei viaggi è sempre alla ricerca di una nuova destinazione. Il suo sogno nel cassetto è quello di diventare una brava fotoreporter di viaggio e le sue riviste preferite sono il National Geographic, Qui Touring e Cosmopolitan. Vive e lavora a Roma ma solo fino al suo prossimo viaggio
Donnavventura alle US Virgin Islands

Share this story: