Entro il primo marzo i rimborsi del Cashback di Natale, accrediti per 3,2 milioni di italiani

10 gennaio 2021, ore 20:00 , agg. alle 16:21

Intanto è già attiva la seconda fase del cashback. Partita il primo gennaio, proseguirà fino al 30 giugno 2022, con alcune novità che riguardano il numero di transazioni da effettuare e la durata del piano

Saranno 3,2 milioni gli italiani che riceveranno fondi per 222 milioni di euro per il cashback di Natale, la prima fase sperimentale del piano di rimborsi degli acquisti effettuati nei negozi con pagamenti cashless, una fase cominciata l’8 dicembre, che si è conclusa a fine anno. Oltre 5,8 milioni i cittadini iscritti al piano, che hanno effettuato in totale più di 63 milioni di transazioni, con un importo medio di 46 euro e 9,8 milioni di metodi di pagamento registrati.


Il resoconto dei rimborsi ha un bug: 50 euro diventano 50mila

Proprio mentre vengono diffusi i dati di un bonus che ha fatto discutere, sull’App IO di alcuni cittadini questa mattina è arrivato il resoconto dei rimborsi. C’è stato anche un bug, che ha visto il punto (in stile americano) apparire al posto della virgola nel portafoglio digitale. E così, per molti, un rimborso di 55 euro e 80 centesimi è diventato di 55.800€. L’errore del sistema, nel giro di poche ore, ha fatto il giro dei social fra meme e battute.


I numeri del cashback di Natale

Il cashback di Natale ha visto una partecipazione “al di sopra delle aspettative dal punto di vista dei numeri e dei dati di sintesi”, fanno sapere fonti governative. Tra l’8 e il 31 dicembre 2020, 5.870.063 cittadini si sono iscritti al cashback tramite l’App IO. Durante il mese natalizio sono stati registrati più di 9.934.919 metodi di pagamento elettronici. Le transazioni eseguite sono state 63.218.228 e hanno avuto un importo medio di 46 euro. Rappresentano però quasi la metà (48,5%) del totale le transazioni con importo al di sotto dei 25 euro. Il valore totale dei rimborsi supera i 222,6 milioni di euro (222.668.781) da distribuire ai 3.230.906 partecipanti che hanno effettuato almeno dieci acquisti, ovvero il numero minimo di operazioni per avere diritto al cashback di Natale.


Il rimborso sul conto corrente entro il primo marzo

E così, il 3,1% degli utenti registrati riceverà 150 euro (l’importo massimo del bonus), il 14,5% riceverà tra i 100 e i 149 euro, il 49,6% tra i 50 e i 99 euro, il 32,8% meno di 50 euro. I rimborsi arriveranno entro l’1 marzo e saranno accreditati sul conto corrente indicato (tramite codice IBAN) al momento della registrazione all’App Io.


È partito il cashback semestrale, ecco le regole

In attesa dei rimborsi è già attiva la seconda fase del cashback. Partita il primo gennaio, proseguirà fino al 30 giugno 2022, con alcune novità che riguardano il numero di transazioni da effettuare e, appunto, la durata del piano. Per poter beneficiare del 10% delle spese effettuate servirà fare almeno 50 pagamenti a semestre. A restare immutate sono le modalità di pagamento, che devono necessariamente prevedere l’utilizzo di carte di credito o bancomat. L’importo massimo del rimborso sarà di 150 euro a semestre e fino a 15 euro per ciascuna transazione eseguita. Resta necessaria l’App IO su smartphone o tablet. In più, ci sarà l’opportunità del super cashback, cioè un premio da 1.500 euro a semestre, per i primi 100 mila consumatori che avranno totalizzato il maggior numero di transazioni. 
Entro il primo marzo i rimborsi del Cashback di Natale, accrediti per 3,2 milioni di italiani
Tags: App Io, cashbak, cashless, rimborsi

Share this story: