Esecutivo, in Commissione alla Camera okkey alla riforma del catasto, ma la maggioranza è spaccata

03 marzo 2022, ore 19:15

Anche il centrodestra di governo (Lega, Fi, Ci) si sfila dalla coalizione guidata dal presidente del Consiglio Draghi e lancia l’allarme su un ulteriore aumento delle tasse sugli immobili. Il Partito Democratico e Azione invece parlano di propaganda

Per un solo voto. Finisce 23 a 22 per la coalizione governativa, che si salva solo per il no all’emendamento soppressivo del centrodestra espresso dall’esponente di Noi con l’Italia, la formazione di Maurizio Lupi.


La mediazione

Rinviare il voto sull'articolo 6 della delega fiscale all'inizio della prossima settimana per evitare una spaccatura in Commissione Finanze. Era il tentativo che ha portato avanti il centrodestra di governo sulla riforma del catasto. La mediazione soprattutto di FI era quella di puntare a un censimento catastale circoscritto agli immobili abusivi accatastati, ma il governo ha voluto per forza agganciare i valori catastali al valore immobiliare e ha confermato una mappatura degli immobili a tutto tondo, e ha detto no ‘a svuotare la riforma’.



La spaccatura

La Lega attacca: "La sinistra lo dica chiaramente che vuole far cassa tassando le case degli italiani. Da mesi Pd, Iv, Leu, M5s e Azione - osserva il capogruppo del partito di via Bellerio alla Camera, Molinari - ci raccontano che la riforma del catasto non serve ad aumentare le tasse ma solo a far emergere gli immobili fantasma, ma quando la Lega e il centrodestra di governo propongono un emendamento per metterlo nero su bianco, gettano la maschera e chiedono a gran voce la revisione dei valori catastali. L'ennesimo giochino per aumentare le tasse agli italiani in questo momento di grande difficoltà”. Il centrodestra insomma teme la stangata sulla casa. Il Pd invece con Boccia accusa la Lega di propaganda. “Per la Lega, le rendite a valori di mercato e i valori patrimoniali sono un autentico tabù", incalza Angiola di Azione. "Draghi e il Pd impongono la solita logica della sinistra sul catasto, introducendo maggiori tasse sulla casa", l'affondo di Fratelli d'Italia con il capogruppo Lollobrigida.


Letta a Bruxelles

Intanto “Il momento drammatico che stiamo vivendo con l'aggressione russa all'Ucraina è anche un'occasione per spingere avanti, come non si era potuto fare finora, il progetto dell'Europa unita nei settori dell'energia e della difesa, e l'ulteriore integrazione europea nei campi economico e sociale. L'unità che sta dimostrando l'Ue nella risposta a Putin, con la determinazione dimostrata nelle sanzioni, è fondamentale e deve continuare; bisogna comunque negoziare "una tregua che consenta alla diplomazia di fare il suo corso". E' quanto ha detto a Bruxelles il segretario del Pd, Enrico Letta, incontrando i giornalisti al Parlamento europeo dopo un colloquio con la presidente dell'Assemblea Roberta Metsola. "Alla presidente - ha spiegato Letta - ho portato il messaggio dei democratici italiani, che è quello di considerare che questo è il momento del grande passo in avanti dell'unità dell'Europa. L'Europa oggi è unita come non lo è mai stata, e questa unità dell'Europa è fondamentale per fermare Putin e la pressione russa. Ma questo è anche il momento - ha rilevato - in cui l'Europa deve fare dei passi avanti decisivi, sull'energia e sulla difesa, e passi avanti ulteriori in materia economica e sociale. Perché tutte le nostre opinioni pubbliche hanno capito che da soli i nostri singoli Paesi non sono in grado di reggere rispetto alle minacce di un mondo che sta cambiando, e soltanto noi europei tutti insieme saremo in grado di reggere a queste minacce".


Esecutivo, in Commissione alla Camera okkey alla riforma del catasto, ma la maggioranza è spaccata
Tags: catasto, Draghi, Lega, maggioranza

Share this story: