Finita la fuga di Pierangelo Pellizzari, arrestato l'uomo di Vicenza accusato di aver ucciso l'ex moglie

11 settembre 2021, ore 17:00

L'uomo aveva cercato di nascondersi nei casolari del Basso Vicentino; ieri all'alba è stata uccisa la ex moglie, la trentenne Rita Amenze

La fuga è durata poco più di trenta ore. Pierangelo Pellizzari non è andato lontano. Si era barricato in una casa non lontano dalla sua abitazione di via Quargente a Villaga, in provincia di Vicenza. I carabinieri lo hanno arrestato oggi pomeriggio, poco dopo le 14.00. Si era barricato ed era ancora armato, con sé aveva la pistola con la quale è accusato di aver ucciso ieri mattina all'alba la sua ex moglie.

IL DELITTO

Il delitto è avvenuto ieri mattina. Rita Amenze, trent’anni, è stata uccisa con quattro colpi di pistola. Sparati nel piazzale davanti alla ditta dove la donna lavorava. A far da testimoni le sue colleghe, ora sotto choc. Per uccidere l'ex moglie Rita Amenze a Noventa Vicentina, Pierangelo Pellizzari ha esploso almeno quattro colpi di pistola. Secondo quanto emerso da ambienti della Procura, la donna è stata raggiunta da tre proiettili che le hanno sfigurato il volto e da uno alle spalle, dall'alto verso il basso. La vittima ha tentato di ripararsi con le braccia, anch'esse sfiorate dai proiettili. Alla fine Pellizzari ha esploso un colpo in aria per garantirsi la fuga. I testimoni raccontano che con tutta calma ha infilato la pistola nella giacca, è salito sulla sua jeep e si è allontanato. Gli investigatori stanno anche vagliando i frame di un video che ritrarrebbe l'assassino mentre prende il caffè in un bar poco prima di compiere l'omicidio.


Finita la fuga di Pierangelo Pellizzari, arrestato l'uomo di Vicenza accusato di aver ucciso l'ex moglie

LA CATTURA

Accusato del delitto è un sessantunenne che non si voleva arrendere all’idea che il suo matrimonio fosse finito. Pierangelo Pellizzari ha cercato la fuga e ha cercato di nascondersi nelle campagne che ben conosce, nel basso vicentino. Ma la sua avventura alla macchia è durata poco. Già da ieri sera si sentiva braccato. La zona è stata setacciata dalle forze dell’ordine, che hanno anche dragato un canale. Probabilmente Pellizzari ha trascorso la notte in un casolare abbandonato, poi ha cercato di intrufolarsi nella sua abitazione da una finestra che si affaccia sul pollaio di casa. I Carabinieri, che sorvegliavano da ieri il luogo, hanno sentito alcuni rumori, sono entrati e hanno sorpreso e arrestato l'omicida.


Tags: carabinieri, delitto, femminicidio, Pierangelo Pellizzari, Rita Amenze, vicenza

Share this story: