Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Agrigento: interrogatorio per 6 ore il comandante della Sea Watch, perquisita la nave ancora sotto sequestro a LIcata
- Roma: modifiche al decreto sicurezza, restano le multe per le navi delle ong che non rispettano le regole, saltano quelle per il soccorso ai migranti
- Roma: intercettata busta contenente un proiettile indirizzata a Salvini, il ministro degli interni, non mi fanno paura
- Roma: caso Cucchi, l'Arma dei carabinieri, il ministero della Difesa e il Viminale chiedono di costituirsi parte civile nel processo sui presunti depistaggi
- Roma: torna libera Debora Sciacquatori, la 19enne che ha ucciso il padre violento, accusa derubricata in eccesso colposo di legittima difesa
- Francia: Ocse su situazione economica dell'Italia, secondo l'Economic Outlook crescita stagnante nel 2019, modesta nel 2020
- Bruxelles: via libera dall'Ue, dal 2021 vietati oggetti in plastica monouso come piatti, posate e cannucce
- Gb: Brexit, premier May apre alla possibilità che la Camera dei Comuni voti un emendamento che chieda un secondo referendum
- Mirandola (Mo): incendio nella sede della Polizia municipale, due morti e due feriti, arrestato un nordafricano
- Automobilismo: morto a 70 anni l'ex pilota austriaco Niki Lauda, leggenda della F1, tre volte campione del mondo
- Calcio: corsa alla panchina della Juventus, entra in scena Zidane, buone chances per Sarri, Conte sempre più vicino all'Inter
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
27 febbraio 2019

Fiori colorati e limoni aspri? Il meccanismo è lo stesso

La ricerca condotta dall’Università di Amsterdam consentirà di accelerare la selezione degli alberi da frutto

Lo stesso meccanismo che colora di blu i petali di una petunia, rende i limoni e le arance più o meno aspri, quindi potrà aiutare a selezionare gli alberi da frutto quando le piante sono ancora molto giovani e, di conseguenza, in tempi molto più rapidi. La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Communications, si deve al gruppo dell'Università di Amsterdam coordinato dall'italiana Francesca Quattrocchio, la stessa ricercatrice che nel 2014 aveva scoperto il segreto all'origine del colore dei fiori e che nel 2008 aveva aperto la via alla possibilità di ottenere fiori geneticamente modificati in modo da avere petali blu. "Il nostro risultato è un secondo passo dopo quello ottenuto quattro anni fa: adesso abbiamo identificato le cellule responsabili della produzione di quantità di acido molto elevate", ha detto Quattrocchio all'ANSA. "E' una sorta di scommessa che abbiamo vinto, continuando a percorrere gli studi fatti in passato: alla fine - ha aggiunto - è stato produttivo andare a cercare nelle stesse modalità che regolano il colore dei fiori, quelle che regolano i livelli di acidità". Finora era noto che il sapore aspro di un frutto dipende da organelli che si trovano nelle cellule delle piante chiamati vacuoli e che questi accumulano acidità in proporzione agli atomi di idrogeno elettricamente carichi (ioni) che vengono pompati al loro interno: più ioni di idrogeno sono pompati nei vacuoli, più il frutto è aspro. Non era, però affatto chiaro perché questo avvenisse. Il gruppo di Quattrocchio lo ha scoperto confrontando varietà dolci e aspre di limoni, arance, pomeli e lime e identificando, nel loro Dna, i geni chiamati CitPH1 e CitPH5. Entrambi regolano la produzione delle proteine capaci di amplificare l'attività delle pompe che rendono i frutti più o meno aspri oppure i fiori più o meno blu.

Fiori colorati e limoni aspri? Il meccanismo è lo stesso