Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
- Roma: 74esimo anniversario della Liberazione,Presidente della Repubblica Mattarella, memoria è dovere morale, le vendette inaccettabili
- Milano: 25 aprile, almeno 70mila partecipanti alla manifestazione per commemorare la Liberazione dal nazifascismo
- Roma: 25 aprile, premier Giuseppe Conte, giorno di riscatto per gli italiani, Salvini, tranquilli il fascismo e il comunismo non tornano, Di Maio, la mafia non la combatti andando a Corleone
- Roma: caso Siri, ancora scontro nel governo, Di Maio, il sottosegretario indagato per presunta corruzione si deve dimettere, Salvini, Armando Siri resta dov'è
- Russia: vertice di Vladivostok tra il presidente russo Putin e il leader nordcoreano Kim Jong-Un, soddisfazione su entrambi i fronti
- Sri Lanka: ministro della Salute, il bilancio degli attentati di Pasqua scende, i morti sono 253 e non 359, errore nel conteggio
- Francia: presidente Macron, gilet gialli esprimono sentimento di ingiustizia, non mi interessa candidarmi nel 2022
- Calcio: ritorno delle semifinali di Coppa Italia, in corso Atalanta-Fiorentina, chi vince affronterà la Lazio il 15 maggio
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
18 ottobre 2018

Fisco, condono, è scontro tra 5 Stelle e Lega

I grillini vogliono un nuovo Consiglio dei ministri, Salvini dice no, Conte lo convoca per sabato

La "manina" che avrebbe, il condizionale è d'obbligo, modificato il decreto fiscale ha acceso una miccia dentro la maggioranza. Lega e Movimento 5 Stelle si inseguono e si colpiscono a colpi di dichiarazioni, fra veleni e sospetti, neanche troppo velati. I leghisti assicurano che i pentastellati sapevano del mega-condono previsto nel provvedimento, ma i grillini negano. E danno versioni diverse: per il ministro Fraccaro è colpa dei tecnici, per la Castelli, sottosegretario, è un problema politico con il Carroccio. Ma davanti all'ipotesi di un nuovo Cdm, Matteo Salvini interviene a gamba tesa: "il decreto non cambia, cosa fatta capo ha, nessuna nuova riunione del Consiglio dei ministri". Però non è così secondo lo stesso Fraccaro, che annuncia che ripulirà il testo da inviare alle Camere: "Con noi né scudi, né condoni". Una frase che non sembra davvero l'ultima parola della battaglia che è esplosa​. Dal suo canto il premier Conte alla fine ha convocato la riunione dell'esecutivo per sabato mattina.

Fisco, condono, è scontro tra 5 Stelle e Lega