Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Bruxelles: tra una settimana il giudizio dell'Europa sulla manovra, Olanda e Austria sollecitano apertura di una procedura di infrazione
- Roma: manovra, il governo non teme reazione dell'Europa, Salvini ribadisce, grafomani a Bruxelles, non ci muoviamo di un millimetro
- Roma: Tav, il commissario straordinario Foietta avverte, a dicembre le gare le d’appalto o parte il tassametro, pesante danno erariale
- Roma: caso De Falco, il senatore del M5s che ha provocato la battuta d’arresto su decreto Genova, io coerente, non temo espulsione
- Londra: Brexit, il governo britannico ha detto sì alla bozza di intesa, dopo una lunga riunione
- Roma: Istat, record di permessi d'asilo nel 2017, sono stati oltre 101mila, in Italia i cittadini extracomunitari regolari sono 3,7 milioni
- Bari: scommesse illegali on-line controllate dalla mafia, effettuati 68 fermi tra Puglia, Calabria e Sicilia, sequestrato un miliardo di euro
- Canada: Olimpiadi invernali 2026, si sfila Calgary, no dei cittadini canadesi alla candidatura, in corsa Milano-Cortina e Stoccolma
- Calcio: Nations League, l'Italia è in ritiro a Coverciano per preparare il match di sabato a Milano, gli azzurri affronteranno il Portogallo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
18 ottobre 2018

Fisco, condono, è scontro tra 5 Stelle e Lega

I grillini vogliono un nuovo Consiglio dei ministri, Salvini dice no, Conte lo convoca per sabato

La "manina" che avrebbe, il condizionale è d'obbligo, modificato il decreto fiscale ha acceso una miccia dentro la maggioranza. Lega e Movimento 5 Stelle si inseguono e si colpiscono a colpi di dichiarazioni, fra veleni e sospetti, neanche troppo velati. I leghisti assicurano che i pentastellati sapevano del mega-condono previsto nel provvedimento, ma i grillini negano. E danno versioni diverse: per il ministro Fraccaro è colpa dei tecnici, per la Castelli, sottosegretario, è un problema politico con il Carroccio. Ma davanti all'ipotesi di un nuovo Cdm, Matteo Salvini interviene a gamba tesa: "il decreto non cambia, cosa fatta capo ha, nessuna nuova riunione del Consiglio dei ministri". Però non è così secondo lo stesso Fraccaro, che annuncia che ripulirà il testo da inviare alle Camere: "Con noi né scudi, né condoni". Una frase che non sembra davvero l'ultima parola della battaglia che è esplosa​. Dal suo canto il premier Conte alla fine ha convocato la riunione dell'esecutivo per sabato mattina.

Fisco, condono, è scontro tra 5 Stelle e Lega