Gianna Nannini in collegamento con RTL 102.5

07 maggio 2020, ore 21:00

La cantante, che in quarantena ha ritrovato la calma, ha raccontato di musica e di emozioni

“La differenza è una delle mie migliori riuscite”

La differenza” è il suo ultimo progetto discografico, uscito a novembre dello scorso anno, ed è un viaggio che parte dal blues per arrivare al soul e al rock “ma a modo mio” ha chiarito Gianna Nannini, parlando dell’album registrato tra Londra e Nashville. A chi le ha chiesto se fosse fan di se stessa, quale canzone riterrebbe la sua preferita ha risposto “ce ne sono tante, ma dico ‘La differenza’ perché fa parte dell’ultimo album, quindi comprende tutto ciò che ho dentro ultimamente” - ha spiegato la Nannini – si tratta di una delle migliori riuscite che, da ‘Sei nell’anima’ in poi, prosegue un certo percorso musicale”.

“Ero molto commossa nell’abbraccio per Milano”

Per il Primo maggio quest’anno il concertone si è tenuto in modo virtuale, ciascun artista che ha partecipato, si è esibito da solo e Gianna Nannini ha stregato tutti con una performance toccante dalla Terrazza Martini in una Milano deserta. Infiniti i messaggi che la ringraziano per le emozioni trasmesse: “In questa assenza di pubblico ho sentito un vuoto interiore” - ha confessato – “ero concentrata e ho pensato all’emozione da dare alla ripresa per poter comunicare vibrazioni forti per far star bene la gente”. Gianna Nannini è convinta dell’importanza della presenza del pubblico, da cui nascono le vibrazioni necessarie a comunicare: “Mi commuovo sempre alla fine dei miei concerti, quando ho fato tutto e mi sono svuotata – ha confessato – durante l’esibizione per il Primo maggio mi è scesa una lacrima quando ho abbracciato Milano, una città che ha sofferto, ma che ci ha unito” ha affermato Gianna."

Gianna Nannini in collegamento con RTL 102.5

“La quarantena mi ha ridato la calma”

Energica e grintosa non solo sul palco, ma nella vita, Gianna Nannini ha confessato come in questa quarantena abbia ritrovato la “calma necessaria a studiare pianoforte. Per suonare e cantare contemporaneamente bisogna lavorare molto – ha spiegato – io di solito canto con una band rock, ma la mia carriera è iniziata esibendomi piano e voce”.

“Ho bisogno di immergermi nella natura”

Un’ascoltatrice chiede a Gianna qual è il primo viaggio che si regalerà una volta superata l’emergenza sanitaria da coronavirus: “Andrò in un’isola, per riempirmi di natura, gli odori e i profumi dell’isola, vivendo in città mi mancano”.

L’evoluzione della musica

Ogni decennio c’è una rivoluzione. Nel 2020 sono ritornati gli strumenti veri e si fanno le band perché la musica si fa insieme” ha raccontato la Nannini, che definisce i computer e la tecnologia strumenti limitanti perché “la gente ha bisogno di suonare e cantare”. Suonare insieme è il futuro e l’attualità ha ribadito Gianna che del suo modo di far musica dice “le canzoni vanno realizzate con lo spirito con cui sono nate”.

L'abbraccio virtuale ai suoi fan e a RTL 102.5

Arrivati ai saluti finali non è mancato l’abbraccio virtuale di Gianna Nannini ai suoi fan e a RTL 102.5 che definisce ormai “casa”. “Auguri a tutti per una grande ripresa e coraggio per ricominciare. Ce la faremo”.

Gianna Nannini in collegamento su RTL 102.5 : Il primo posto dove vorrei andare è un’isola
Tags: coronavirus, differenza, gianna nannini, quarantena

Share this story: