Gianni Morandi stasera gioca in casa al Duse di Bologna: "torno nel teatro in cui ho cantato per la prima volta nel '64. Sanremo? Molto meglio in gara che ospite"

19 gennaio 2022, ore 17:00

In diretta dal teatro Duse di Bologna, Gianni Morandi ha tenuto una conferenza stampa in cui ha parlato del suo tour teatrale “Stasera gioco in casa” e di Sanremo 2022

Si prospetta un periodo lavorativamente pieno per Gianni Morandi. Dopo quasi due anni, stasera tornerà a cantare sul palco del Teatro Duse di Bologna e riprenderà il filo dei suoi concerti - “Stasera gioco in casa” – che sono stati sospesi a causa della pandemia. Tra poco meno di due settimane, poi, parteciperà al Festival di Sanremo con un brano scritto da Jovanotti, “Apri tutte le porte”.
Durante la conferenza stampa di oggi, Morandi ha parlato dello stop che ha subito il suo tour nel 2020 quando “mancavano solo 8 date alla fine” e di quanto questa pandemia “ci ha toccato e fatto riflettere”. Tra le altre cose, molti i riferimenti agli esordi della sua carriera, che vanta molteplici brani di successo e concerti. “Ho cantato per la prima volta in questo teatro nel 1964. Il Duse qui a Bologna è un’istituzione”, ha detto.

GIANNI MORANDI E JOVANOTTI: UN’AMICIZIA NATA DA UN MOMENTO DIFFICILE

L’amicizia tra Gianni Morandi e Jovanotti è nata da un momento difficile. Tutto ha avuto inizio a marzo 2021, il giorno in cui Gianni Morandi ha subito un incidente che, ancora oggi, non gli concede vita facile. “Porto ancora le conseguenze di questo infortunio alla mano, da quel momento sono più resiliente. Fossi stato lì qualche secondo in più sarei svenuto in mezzo al fuoco e sarebbe andata diversamente”, ha raccontato Morandi.
Si potrebbe dire che da questo triste episodio, però, sia nato il rapporto lavorativo tra Morandi e Jovanotti. “Ho ricevuto una chiamata da Jovanotti che mi ha chiesto come stessi e poi mi ha proposto di cantare insieme ‘L’Allegria’. Per me è stata una terapia, la mia mano guariva meglio”.

SANREMO 2022: “APRI TUTTE LE PORTE” È LA CANZONE DI GIANNI MORANDI E JOVANOTTI

Apri tutte le porte” è il brano con il quale Gianni Morandi concorrerà a Sanremo. Questa canzone, scritta da Jovanotti, affronta il tema dell’abitudine che per Morandi è una brutta bestia”.
A Sanremo Morandi sarà in gara anche con Tananai, che porta un pezzo scritto da suo nipote Paolo. “Mi fa effetto pensare di essere in gara contro un pezzo scritto da mio nipote. Molto bravo, secondo me. Tra l’altro ha scritto anche la canzone Stasera gioco in casa”.
Nonostante possano sembrare una coppia improbabile, Gianni Morandi e Jovanotti hanno fatto centro scoprendo di avere anche molte cose in comune tra cui “lo sport, ma anche la voglia di sperimentare sempre cose nuove, il cercare di vedere il positivo sempre, l’amore per la musica, per il rischio e la volontà di voler fare una cosa diversa”.
Durante la conferenza stampa, Gianni Morandi ha chiamato Jovanotti, che ha raccontato di essere uscito del tutto dal covid e che quando Morandi lo ha chiamato per proporgli Sanremo lui “in quei giorni pensava la stessa cosa”.

GIANNI MORANDI E IL SUO RAPPORTO CON SANREMO

Gianni Morandi non è nuovo al Festival di Sanremo che, negli anni, lo ha visto protagonista come conduttore, direttore artistico e come cantante in gara, esattamente come quest’anno. “Torno su un palcoscenico importante”, ha detto, ricordando anche che quando era bambino, nel ’58, vide Domenico Modugno che cantava “Volare” in TV e che per lui “fu un colpo fortissimo. Da quel momento mi sono affezionato a questo Festival”.
E del fatto di tornare sul palco come concorrente e non come ospite, Morandi ha dichiarato: “Non è la stessa cosa di andare lì a fare l’ospite. Quando sei in gara sei lì per una settimana, lo vivi”.
Nonostante Gianni Morandi sia un veterano del Festival di Sanremo e della musica italiana, non ha nascosto l’emozione. “Credo che la tremarella possa venire anche a me che ho cantato ovunque. Io immagino quei cinque minuti prima in cui mi suderanno le mani. Vado a Sanremo con l’entusiasmo di un debuttante, con quel tipo di emozione e di speranza”, ha detto.
Secondo Morandi, la percezione di Sanremo è cambiata con gli anni, perché “oggi si son resi tutti conto che Sanremo è un palcoscenico straordinario”, che “una volta si pensava che se si veniva eliminati dalla gara sarebbe stato un dramma, che non avresti fatto più serate” mentre oggi “anche se dovessi arrivare ultimo, è un episodio della tua carriera”.

MORANDI, AL BANO E RANIERI: UN TOUR IN ARRIVO?

In merito alla sua partecipazione al Festival di Sanremo, Al Bano ha detto che Gianni Morandi e Massimo Ranieri hanno avuto un gran coraggio a presentarsi a Sanremo e ha dichiarato che il suo sogno è che i tre possano fare un tour insieme. “Chissà che un giorno non si possa fare. Abbiamo una conoscenza da 50 anni, da quando facevamo ‘Canzonissima’. In quel periodo lì, specialmente con Ranieri, c’era un dualismo, alla fine siamo diventati anche amici. Tutto può essere comunque”, ha dichiarato Morandi.

IL PROSSIMO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SECONDO GIANNI MORANDI

Durante la conferenza stampa c’è stato anche il tempo di parlare di politica. Morandi è stato chiaro: “Credo che le donne siano meglio degli uomini. Una donna al Quirinale? Perché no, a me non dispiacerebbe. Molte donne con ruoli importanti hanno dimostrato di che pasta sono fatte”.

UN PASSO INDIETRO NEL TEMPO

Facendo un passo indietro, Gianni Morandi a chi dedicherebbe oggi la canzone “Si può dare di più”? “Credo che nella vita di tutti si può dare qualcosa di più, sarebbe bello darci più fiducia. Si può dare di più per stare meglio tutti insieme. Io non credo che uno stia bene se l’altro sta male”.


Gianni Morandi stasera gioca in casa al Duse di Bologna: "torno nel teatro in cui ho cantato per la prima volta nel '64. Sanremo? Molto meglio in gara che ospite"
Tags: Apri tutte le prote, Gianni Morandi, Jovanotti, Sanremo 2022

Share this story: