Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Genova: crollo ponte Morandi, premier Conte, ultimo bilancio 38 morti e 15 feriti, sabato funerali di Stato e giornata di lutto nazionale
- Genova: crollo ponte, governo, stato di emergenza per 12 mesi, subito 5 milioni di euro, revoca della concessione ad Autostrade per l'Italia
- Milano: crollo ponte Morandi a Genova, tonfo in Borsa per il titolo Atlantia che controlla il gruppo Autostrade, a picco anche Piazza Affari
- Genova: crollo ponte, Autostrade per l'Italia, pronti a ricostruire il viadotto in 5 mesi, Salvini, chiedano scusa
- Genova: crollo ponte, Procuratore Capo Cozzi, non è stata una fatalità, ma un errore umano
- Genova: crollo ponte, sindaco Bucci, 632 persone sfollate, le case a rischio saranno abbattute
- Aprilia (Lt): cittadino del Camerun ferito da un proiettile sparato da un balcone, i responsabili sono tre ragazzi, denunciati per lesioni aggravate
- Palermo: è morta Rita Borsellino, sorella del magistrato Paolo, ucciso dalla mafia nel 1992, aveva 73 anni
- Calcio: l'Atletico Madrid ha vinto la Supercoppa Europea, sconfitto il Real Madrid 4-2 ai supplementari
17 maggio 2018

Giappone, treno parte 25 secondi in anticipo, scuse immediate

La compagnia, la West Japan Railways, si è scusata per “l’immenso disagio causato ai clienti”

In Giappone, i collegamenti ferroviari hanno standard di puntualità altissimi e quando si verifica qualche ritardo le scuse della compagnia sono immediate. Venerdì scorso, alla stazione di Notogawa, 400km a ovest di Tokyo, un treno è partito con un anticipo di 25 secondi. Il conducente avrebbe dovuto lasciare la stazione alle 7:12, ma ha chiuso le porte alle 7:11 e 35 secondi.

Giappone, treno parte 25 secondi in anticipo, scuse immediate

L'impiegato si è accorto subito dell'errore e ha controllato se lungo i binari ci fossero passeggeri in attesa di salire. Non vedendone, ha deciso di partire in anticipo piuttosto che riaprire le porte, per non correre il rischio di dover segnalare sulla tabella di marcia un ritardo, anche se solo di qualche secondo. Ma il caso ha voluto che ci fossero altri viaggiatori che contavano di prendere quel treno all'ultimo secondo, per poi continuare il loro viaggio su altre coincidenze: le loro rimostranze hanno costretto i dirigenti dell'operatore, la West Japan Railways, a scusarsi per "l'immenso disagio causato ai clienti".