Giorgia Meloni ospite di RTL 102.5: "Ho sentito la mamma di Willy, è una donna di grande dignità"

18 settembre 2020, ore 10:52

La leader di Fratelli d'Italia sul referendum sul taglio dei parlamentari: "Faccio un passo indietro e aspetto il responso dei cittadini"

La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, ospite questa mattina su RTL 102.5, commenta così il Referendum sul taglio dei parlamentari e le regionali previsti per il 20 e 21 settembre: “Noi abbiamo votato quattro volte favorevolmente alla legge sul taglio dei parlamentari, è una riforma chiesta e attesa dagli italiani anche se la norma fatta dai Cinque Stelle è imperfetta. Fratelli d’Italia è l’unico partito a non aver chiesto il referendum, perché la norma non richiedeva necessariamente il referendum, si poteva non fare e la norma sarebbe stata operativa lo stesso. Se è un voto di merito penso che il sì non avrà problemi, anche se sento che il no sta un po’ crescendo, ma penso che quello sia un po’ un sentimento contro il Governo. Io non penso che quelli che chiedono il no lo facciano seriamente perché pensano che ci sia un problema di rappresentanza dei territori, ma il motivo per cui c’è una parte di classe politica che tende al no è perché c’è un’avversione verso questo Governo e quindi c’è un elettorato che al di là del merito del provvedimento, vorrebbe votare no per dare un segnale ancora più chiaro contro il Governo Conte”.


Omicidio Willy, "Lo stato dà 780 euro a un energumeno palestrato? Follia"

Giorgia Meloni affronta poi il tema del reddito di cittadinanza in relazione ai recenti fatti di cronaca che riguardano i fratelli Bianchi: “Lo denunciamo da mesi, perché ogni giorno esce una notizia di cronaca relativa a questi percettori di reddito di cittadinanza quando sono spacciatori, mafiosi: il problema è innanzitutto che il principio del reddito di cittadinanza così configurato era sbagliato perché uno Stato giusto non mette sullo stesso piano dell’assistenza chi può lavorare e chi no. Non è normale uno Stato che dà 780 euro ad un energumeno palestrato di 35 anni che potrebbe andare a lavorare come faceva Willy che lavorava fino a tardi in una cucina, perché anche lui veniva da una famiglia che non aveva grandi possibilità. E’ lo stesso Stato che dà 280 euro ad un invalido civile totale. E’ un principio sbagliato, uno Stato giusto si occupa dell’assistenza di chi non può lavorare e per gli altri deve garantire le opportunità di lavoro, è stato fatto male perché la ragione per la quale questi energumeni, palestrati e cocainomani prendevano il reddito di cittadinanza è perché non sono stati fatti i controlli per verificare che queste persone fossero davvero in una situazione di indigenza. Io penso che in questi casi intervenga anche la cultura delle famiglie: io ho parlato con la mamma di Willy due giorni fa ed è una donna con una dignità pazzesca, l’ho ringraziata, lei mi ha risposto “io sono solo una persona semplice”, le ho detto che ha cresciuto un ragazzo straordinario”.


"Non mi candido a sindaco di Roma, una cosa alla volta, ora siamo concentrati sulle elezioni di domenica"

Si avvicinano elezioni per eleggere il sindaco di Roma e sulla sua possibile candidatura Giorgia Meloni risponde: “Ho risposto di no tante volte, siamo concentrati sulle elezioni di domenica, una cosa per volta, già mi viene l’ansia, non ho ancora finito questa campagna elettorale. Se nel centrodestra dovesse trionfare alle regionali, vorrebbe dire che è un centrodestra capace di governare e un centrosinistra che nelle regioni nelle quali governa ha smesso di farlo per limitarsi a gestire il potere e sarebbe un segnale contro il Governo nazionale che richiederebbe una riflessione il giorno dopo”.


"La temperatura a scuola? La deve misurare lo Stato"

Infine sulla questione della misurazione della temperatura ai bambini prima di andare a scuola, la leader di Fratelli d'Italia commenta: “Lo dovrebbe fare lo Stato che però continua a scaricare tutto sulle famiglie e quando le istituzioni tentano di farlo come è accaduto in Piemonte, lo Stato interviene per impedirlo”.


Giorgia Meloni ospite di RTL 102.5: "Ho sentito la mamma di Willy, è una donna di grande dignità"
Tags: elezioni, giorgia meloni, meloni, referendum

Share this story: