Giustizia, Conte contro Draghi: “Sulla riforma della prescrizione non canterei vittoria, siamo tornati all’anomalia”

09 luglio 2021, ore 19:40

L’ex premier parla molto pure del suo possibile ruolo alla guida del M5S, spiegando che "la leadership è una premessa indispensabile" e confermando che bisogna ancora "chiarire i ruoli". Se questo schema verrà "condiviso, ci sono", avverte, "altrimenti no"

Dopo una settimana di silenzio, Giuseppe Conte torna e non nasconde il suo disappunto sulla modifica delle norme relative alla prescrizione, una delle bandiere del Movimento al governo, decisa ieri dal Consiglio dei Ministri. "Non canterei vittoria, non sono sorridente sulla prescrizione, siamo tornati all'anomalia italiana. Se un processo svanisce per nulla per una durata così breve non può essere una vittoria per lo stato di diritto", incalza Conte. "Non è una - puntualizza - questione di me contro Draghi. Delle mediazioni erano state offerte, ci sono mille espedienti per assicurare una durata ragionevole dei processi accertando la verità". Poi, una precisazione sul suo orizzonte per rifondare il Movimento: "Se ci sarà con il M5s, il progetto politico avrà una forte identità e con dei principi forti. Nessuno dovrà permettersi di dire che il M5s sarà il partito dei No, dei veti ideologici. Sarà la forza più innovatrice ed ecologica". E Conte parla molto appunto anche del suo possibile ruolo alla guida del M5s, chiarendo che "la leadership è una premessa indispensabile" e confermando che bisogna ancora "chiarire i ruoli". Se questo schema verrà "pienamente condiviso, io ci sono", avverte, "altrimenti no".


La disputa con Grillo

Insomma, una settimana dopo che Beppe Grillo ha dato vita ad un comitato di sette mediatori incaricati di dirimere la contesa sul nuovo statuto dei 5 stelle proposto dall'ex premier, il punto di caduta nella disputa tra il Garante e l''avvocato del popolo' ancora non è stato individuato. In collegamento con il convegno nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria, Conte allora ribadisce: "Non sono il leader al momento, ci stiamo lavorando". Le sue parole arrivano al termine di una settimana travagliata nel Movimento, con le fibrillazioni interne che hanno pesato sull'attività parlamentare e su quella del governo, con la difficile mediazione sulla riforma della giustizia, che supera quella varata dall'ex ministro grillino Alfonso Bonafede.


Le Comunali

Conte parla pure dei prossimi appuntamenti elettorali. "Veniamo da un'esperienza di lavoro di governo che ritengo molto proficua con il Pd e Liberi e Uguali. Ma non ha senso oggi, nel quadro politico attuale, ragionare di alleanza precostituita anteponendola ai contenuti", ribadisce l'ex premier. Che specifica: "Stavamo lavorando su tanti appuntamenti amministrativi, Pd e LeU sono gli interlocutori privilegiati". Tra tre mesi si vota a Roma, Milano, Torino, Bologna e Napoli, e nessuno tra i 5 stelle vuole attribuirsi la titolarità di una tornata elettorale che - stando ai sondaggi - potrebbe vedere una frenata del Movimento e dei suoi candidati.


Giustizia, Conte contro Draghi: “Sulla riforma della prescrizione non canterei vittoria, siamo tornati all’anomalia”
Tags: Conte, Draghi, giustizia, Grillo

Share this story: