Governo, il Consiglio dei ministri approva il disegno di legge sulla concorrenza, ma sono tanti i rinvii

04 novembre 2021, ore 18:49 , agg. alle 19:06

Alla fine il premier Draghi ha fatto la scelta di rinviare le nuove regole per le concessioni balneari, ma anche quelle per le licenze degli ambulanti e dei tassisti. Come dire, liberalizzazioni, mercati da aprire e gare pubbliche…sì, però non troppo

La norma sulla revisione delle concessioni per spiagge e ambulanti non entra nel ddl concorrenza, così come quella sulla mobilità dei notai. Così alla fine è composto da 32 articoli il testo che il Cdm approva (senza la successiva conferenza stampa di Mario Draghi, che comunque ha fatto filtrare la definizione di operazione trasparenza, che non termina adesso), e contiene norme che interessano tlc, taxi, colonnine di ricarica e Rc auto.


Il rinvio

Insomma, sui balneari e sui venditori in particolare, ma pure sui tassisti, si è preferito prendere tempo e il provvedimento si limita a delegare il governo ad adottare entro sei mesi un decreto legislativo "per la costituzione di un sistema informativo di rilevazione delle concessioni di beni pubblici, al fine di promuovere la massima pubblicità e trasparenza, anche in forma sintetica, dei principali dati e delle informazioni relativi a tutti i rapporti concessori". Come dire, si fotografa l’esistente, cioè le concessioni attuali.


Le novità

Tra le principali novità in arrivo c'è una stretta sui poteri di nomina dei dirigenti ospedalieri. Sul fronte del trasporto pubblico non di linea, il governo viene delegato a emanare un decreto legislativo per la revisione della disciplina. Verrà messe a gara l'installazione di colonnine pubbliche. Per accelerare la realizzazione delle reti ultraveloci, gli operatori dovranno coordinarsi tra loro e condividere i costi se stanno lavorando nella stessa aerea. Viene ampliata la possibilità di risarcimento diretto per l'Rc auto: sarà possibile ottenere l'indennizzo del danno direttamente dalla propria compagnia di assicurazione che poi potrà rivalersi nei confronti di quella del soggetto che ha causato il sinistro o ha contribuito a causarlo.


Il dl infrastrutture

Intanto okkey del Senato: con 190 voti favorevoli e 34 contrari, l'Assemblea di Palazzo Madama rinnova la fiducia al Governo con approvazione in via definitiva del Decreto infrastrutture e mobilità sostenibile. Il provvedimento, che contiene norme sui monopattini, il fumo e l'uso dello smartphone in auto, diventa dunque legge. Con le novità soprattutto per i monopattini elettrici: ovvero, riduzione della velocità e divieto di parcheggio sui marciapiedi. E obbligo di portare il casco: ma solo per i minorenni.

Governo, il Consiglio dei ministri approva il disegno di legge sulla concorrenza, ma sono tanti i rinvii
Tags: Cdm, concorrenza, Draghi, monopattini

Share this story: