Governo, il ministro della Salute Roberto Speranza colora di bianco Abruzzo, Umbria, Liguria e Veneto

04 giugno 2021, ore 19:46

Intanto il Consiglio dei ministri ha varato il decreto Reclutamento, che prevede assunzioni nella Pubblica Amministrazione attraverso concorsi rapidi e strettamente legate al Piano di ripresa e resilienza, e ha approvato anche l’assegno unico per i figli

Dal 7 giugno Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto passeranno in zona bianca. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato una nuova ordinanza, in vigore da lunedì, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di regia. Per il presidente dell'Iss Brusaferro, "se la tendenza prosegue cosi, per la seconda settimana di giugno tutta l'Italia si troverà in zona bianca. Tutte le Regioni sono sotto il valore di 50 casi su 100mila abitanti". Il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, guarda con ottimismo all'estate, ma invita a "non abbandonare le precauzioni". Ma c’è la sfida dei gestori delle discoteche. "Se entro il prossimo 21 giugno, data dell'eliminazione definitiva del coprifuoco, il Governo non si esprime anche per la riapertura delle discoteche, decideremo di riaprire indistintamente le nostre attività dal primo luglio": è il messaggio lanciato da Maurizio Pasca, presidente del Silb, il sindacato dei gestori delle sale da ballo. "Sono disponibile - aggiunge - a mettere a disposizione di ministri e tecnici decine di video dove già si balla nei bar o negli stabilimenti balneari, mentre il 30% delle nostre attività ha già chiuso definitivamente: le nostre aziende stanno morendo".


Il cdm

E il governo prosegue anche il suo impegno sulla strada dell'attuazione del Next generation Ue, e nella riunione del Consiglio dei ministri ha varato il decreto legge Reclutamento, che prevede assunzioni nella Pubblica Amministrazione attraverso concorsi rapidi e strettamente legate al Piano nazionale di ripresa e resilienza, il Pnrr: ovvero, gli esperti per la gestione di procedure complesse connesse alla governance del Recovery Plan, il team per la digitalizzazione, gli addetti all'ufficio del processo. Non solo. Il Consiglio dei ministri ha varato anche la norma ponte per l'assegno unico alle famiglie con figli già dal 1 luglio, fino a 217 euro a figlio. Tutto dopo una breve sospensione perché il ministro per la Transizione ecologica Cingolani aveva chiesto (e ottenuto) un rafforzamento del suo ministero.



Le scintille

Continuano intanto le scintille tra Pd e Lega, motivo del contendere la giustizia. Mentre Matteo Salvini si è unito ai radicali per presentare i 6 quesiti referendari, Enrico Letta ha detto di considerare in questo caso le consultazioni "lo strumento sbagliato" e "semplicemente uno strumento per fare lotta politica" mentre il Pd "vuole fare la riforma, perché ci fidiamo di Cartabia e Draghi. Noi siamo molto d'accordo sulle loro proposte. Io a Salvini preferisco Cartabia e Draghi". Sul fronte dei partiti, il leader del Carroccio consolida il suo sostegno al governo: "Noi contiamo di arrivare con Draghi a fine legislatura a marzo 2023". "Non è Salvini a decidere il futuro di Draghi - ha proseguito parlando della ipotesi che il premier venga eletto al Quirinale -, per il momento spero che continui a fare il presidente del Consiglio perché lo sta facendo bene. Se poi desiderasse fare il presidente della Repubblica sarei il suo primo sostenitore. Ma per ora sono discorsi prematuri". E spinge l'acceleratore sull'unità del centrodestra: "Credo e spero entro giugno di arrivare alla federazione delle forze del centrodestra, almeno di quelle che sostengono il governo Draghi". Mentre sia per Pd che per il M5s si profila all'orizzonte l'ipotesi di un seggio alla Camera per i due leader. Enrico Letta, infatti, potrebbe decidere di correre per il seggio lasciato libero a Siena da Piercarlo Padoan. "Non lo so, non ne stiamo parlando, è l'ultima delle cose. Vedremo, non la priorità in questo momento. E' un'ipotesi sulla quale i senesi del Pd mi hanno cercato nelle settimane scorse e vorrebbero che io andassi lì, però non è la priorità. La nostra logica, comunque, è che decidono i territori. Sono contro le imposizioni dall'alto, vediamo cosa decidono i territori". Mentre il leader in pectore del Movimento Giuseppe Conte potrebbe correre per il seggio di Roma Primavalle, lasciato libero da Emanuela Del Re, ma l'esito non è scontato e la notizia non è stata confermata.


Il Csm

Nel frattempo, una riforma fondata sui "capisaldi della Costituzione" - indipendenza, esercizio imparziale, efficienza -perché "fiducia e credibilità nei magistrati sono obiettivi che non possiamo mancare". La Guardasigilli Marta Cartabia ha parlato così nella riunione con i capigruppo di maggioranza della Commissione Giustizia della Camera dedicata alla riforma dell'ordinamento giudiziario e del Csm, sottolineando che "il dibattito pubblico e accademico da tempo è maturo e sicuramente i fatti di cronaca, che hanno riguardato la magistratura nei mesi più recenti, hanno reso improcrastinabili e più urgenti gli interventi in questo ambito". Nel suo discorso, Cartabia ha ricordato le parole che il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha pronunciato il 23 maggio scorso, a Palermo, in occasione dell'anniversario della strage di Capaci, e ribadito come "le riforme che il ministero ha chiesto siano finalizzate allo scopo così accoratamente espresso dal presidente della Repubblica". Dunque, Cartabia ha posto in rilievo "l'unico obiettivo che ci preoccupa di più: l'esigenza che la magistratura operi sempre, nei fatti e nella percezione dell'opinione pubblica, su solide basi di indipendenza. Esigenza sempre più urgente negli ultimi anni per tante ragioni".

Governo, il ministro della Salute Roberto Speranza colora di bianco Abruzzo, Umbria, Liguria e Veneto
Tags: Brunetta, cdm, colori, Spranza

Share this story: