Governo, il premier Draghi firma il dpcm sul green pass, dal 1° luglio sarò valido in tutta Europa

17 giugno 2021, ore 18:07 , agg. alle 18:23

La certificazione sarà disponibile per la visualizzazione e la stampa su pc, tablet o smartphone. In alternativa alla versione digitale, potrà essere richiesta al proprio medico di base, pediatra o in farmacia utilizzando la propria tessera sanitaria

Come da previsioni, il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha firmato il decreto che definisce le modalità di rilascio delle certificazioni verdi digitali Covid-19 che faciliteranno la partecipazione ad eventi pubblici, l’accesso alle strutture sanitarie assistenziali (Rsa) e gli spostamenti sul territorio nazionale. Con la firma del Dpcm si realizzano le condizioni per l’operatività del Regolamento Ue sul green pass, che a partire dal prossimo 1° luglio garantirà la piena interoperabilità delle certificazioni digitali di tutti i Paesi dell’Ue. In tal modo, sarà assicurata la piena libertà di movimento sul territorio dell’Unione a tutti coloro che avranno un certificato.


Le modalità di rilascio

Per acquisire la Certificazione verde COVID-19 sono stati previsti più canali, con o senza identità digitale, in piena autonomia o con un aiuto. Il sito dgc.gov.it è operativo a partire da oggi. Tutte le certificazioni associate alle vaccinazioni effettuate fino al 17 giugno saranno rese disponibili entro il 28 giugno. La piattaforma informatica nazionale dedicata al rilascio delle Certificazioni sarà progressivamente allineata con le nuove vaccinazioni. Per tutte le informazioni è possibile contattare il Numero Verde della App Immuni 800.91.24.91, attivo tutti i giorni dalle ore 8.00 alle ore 20.00. I cittadini già dai prossimi giorni potranno ricevere notifiche via email o sms. La Certificazione sarà disponibile per la visualizzazione e la stampa su pc, tablet o smartphone. In alternativa alla versione digitale, la Certificazione potrà essere richiesta al proprio medico di base, pediatra o in farmacia utilizzando la propria tessera sanitaria. E, frutto del lavoro congiunto di ministero della Salute, ministero dell'Economia e delle Finanze e del ministro per l'Innovazione Tecnologica e la Transizione Digitale, in collaborazione con la Struttura Commissariale per l'emergenza covid-19 e con il supporto del partner tecnologico Sogei, contiene un QR Code che ne verifica autenticità e validità. Il documento insomma attesta una delle seguenti condizioni: la vaccinazione contro il covid-19, l'esito negativo di un tampone antigenico o molecolare effettuato nelle ultime 48 ore o la guarigione dall'infezione.


Emergenza e stop mascherine

Intanto con l'Italia quasi tutta 'bianca', i dati epidemiologici sotto controllo e l'avanzamento della campagna vaccinale, la maggioranza torna a confrontarsi - e dividersi - sui prossimi step: al centro del dibattito, che coinvolge anche il governo in vista delle prossime misure da adottare sul fronte Covid, c'è la questione della possibile proroga dello stato di emergenza, che scade il prossimo 31 luglio, e dell'ipotesi di eliminare l'obbligo dell'uso delle mascherine all'aperto dal 15 luglio. "E' solo un'ipotesi su cui si sta ragionando, non lo prevede nessun provvedimento", spiegano fonti ministeriali. Sul punto cresce il pressing leghista con Matteo Salvini che, al termine del colloquio con il premier Mario Draghi, riferisce di averne parlato con il presidente del Consiglio. Che, a dire del leader della Lega, avrebbe convenuto: "Non abbiamo parlato di date ma abbiamo condiviso che si tolga l'obbligo delle mascherine all'aperto. Ho chiesto a Draghi di correre il più possibile nel ritorno alla normalità. Bisogna togliere l'obbligo del bavaglio, spero che nell'arco non dico poche ore, ma magari di pochi giorni l'Italia possa tornare alla libertà di respiro almeno all'aperto". Quanto alla possibile deadline del 15 luglio, Salvini replica: "Adesso siamo a metà giugno e dobbiamo andare in giro mascherati per un altro mese con una situazione ormai evidentemente sotto controllo in tutta Italia? Mi sembra una punizione assolutamente inutile e ingiusta". Una decisione che, per il leader leghista, potrebbe arrivare "nel prossimo cdm".


La nota di Palazzo Chigi

Da Palazzo Chigi fanno sapere che durante il colloquio tra Draghi e Salvini sono stati passati in rassegna gli sviluppi positivi della situazione economica e le prospettive di ripresa e crescita del Paese. Ma che si vada verso un nuovo allentamento delle misure anti Covid lo conferma la ministra di Italia viva Elena Bonetti: "La politica deve semplificare la vita dei cittadini e tutelarne la salute. Se i medici dicono che i dati sono tali da consentire un anticipo" dello stop all'obbligo dell'uso delle mascherine all'aperto "allora lo faremo il prima possibile". Dello stesso avviso il titolare della Farnesina, Luigi Di Maio: "Togliere la mascherina all'aperto a partire da questa estate è l'obiettivo del governo, ed è vicino. E' da mesi che aspettiamo questo momento e adesso che i numeri ci dicono che stiamo superando la crisi sanitaria bisogna accelerare", scrive il ministro M5s su Facebook. Quanto allo stato di emergenza, per il presidente del Friuli e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, "toglierlo è un buon messaggio al Paese". Tuttavia, avverte, "se si farà questa scelta è altrettanto vero che serviranno dei decreti ad hoc che in alcuni settori vadano a permanere la straordinarietà delle azioni, penso ad esempio al comparto della sanità per cui è fondamentale avere personale a disposizione perché la pandemia non è finita". Salvini taglia corto: "La proroga dello stato di emergenza? Scade a fine luglio, quindi ne parleremo a fine luglio". Per Leu è necessario usare ancora cautela: "Mentre il ministro Speranza auspica che col miglioramento dei dati sui contagi si possa finalmente uscire dallo stato emergenziale, Salvini insegue Giorgia Meloni e la sua propaganda per uscirne subito. Sono due cose diverse", sottolinea il senatore Francesco Laforgia.

Governo, il premier Draghi firma il dpcm sul green pass, dal 1° luglio sarò valido in tutta Europa
Tags: dpcm, Draghi, green pass, salvini

Share this story: