Governo, la sfida Conte-Renzi continua

14 febbraio 2020, ore 19:00

L’ex premier: “Se vuole mi cacci”, il premier: “Penso solo a governare, non ad un esecutivo ter”

Il giorno dopo lo scontro a tutto campo - da una parte Iv, dall'altra il resto della maggioranza e dell'esecutivo giallorosso - nuovo botta e risposta tra il premier Giuseppe Conte e Matteo Renzi. “Se vuole cacciarci, faccia pure: è un suo diritto! E' il massimo esperto nel cambiare maggioranze. Se invece vogliono noi, devono prendersi anche le nostre idee. Alleati, non sudditi', scrive su Fb il leader di Italia Viva, attaccando anche il Partito Democratico: 'Pur di fare un'alleanza strategica sulla prescrizione rinuncia al garantismo'. "Io ho la responsabilità dell’esecutivo e ho chiesto la fiducia per realizzare un programma. Che senso avrebbe lavorare ad un Conte ter?", questa la risposta del presidente del Consiglio, che poi aggiunge: 'Non ho sentito nessuno di Iv ma le mie porte sono aperte'. Insomma, la tensione resta alta, ma nessuno per ora vuole l’apertura formale della crisi di governo. Nel frattempo comunque Pd, M5s e Leu lavorano alla ricerca dei cosiddetti 'responsabili'. Al Senato servono 17 voti per sostituire quelli dei renziani. E il Movimento 5 stelle domani andrà in piazza a Roma (a parlare dovrebbero essere i capigruppo) nella battaglia sui vitalizi. ​
Governo, la sfida Conte-Renzi continua

Share this story: