Hong Kong, proteste contro legge estradizioni in Cina

 12 giugno 2019 | cina, hong kong, manifestanti, proteste

La polizia sta facendo uso di lacrimogeni per respingere i manifestanti, che tentano di avvicinarsi al palazzo del parlamento

Migliaia di persone stanno occupando le principali strade intorno al parlamento di Hong Kong, nel giorno in cui approda in aula la controversa legge sulle estradizioni in Cina. Gli attivisti pro-democrazia hanno sollecitato una nuova mobilitazione contro il provvedimento, considerato una erosione dell'autonomia dell'ex colonia e contrario allo schema seguito finora. I manifestanti che bloccano le strade attorno al parlamento devono disperdersi e obbedire alla legge, questo l'appello lanciato da Matthew Cheung, capo segretario di Hong Kong. "Invito anche i cittadini che si sono riuniti a mostrare capacità di controllo il più possibile, a disperdersi pacificamente e non sfidare la legge", dice Cheung in un video, secondo i media locali. La sua è la prima reazione ufficiale delle autorità alle ultime proteste contro la controversa legge sull'estradizione in Cina. La polizia di Hong Kong sta facendo uso dei lacrimogeni per respingere i manifestanti che provano ad avvicinarsi al palazzo del parlamento. Le proteste sono contro la controversa legge sulle estradizioni in Cina che l'assemblea avrebbe dovuto cominciare ad esaminare oggi in seconda lettura. A causa delle manifestazioni, il presidente del parlamento Andrew Leung ha rinviato questa mattina la seduta "a ora da destinarsi".
Hong Kong, proteste contro legge estradizioni in Cina

Share this story: