Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: irritazione del governo di Parigi per le frasi del vicepremier Di Maio sui francesi che colonizzano l'Africa, convocata per chiarimenti l'ambasciatrice italiana
- Svizzera: allarme Fondo Monetario Internazionale, la situazione economica dell'Italia è un fattore di rischio globale, come la Brexit
- Roma: intercettazione tra due carabinieri prima di una testimonianza sulla morte di Stefano Cucchi, bisogna avere spirito di corpo e aiutare i colleghi in difficoltà
- Lecce: famiglia schiava di internet, madre padre e figlio di 15 anni segregati in casa da due anni e mezzo, sempre davanti al computer
- Vicenza: neonata di tre giorni scaraventata a terra dalla madre di 41 anni, la piccola morta in ospedale, la donna arrestata, ha tentato il suicidio
- Gb: Brexit, premier May in Parlamento, no a secondo referendum, sarebbe un pericoloso precedente, occorre lavorare insieme all'opposizione
- Israele: bombardati obiettivi militari iraniani in Siria, l'Iran minaccia di distruggere Israele
- Napoli: festa in strada per la riapertura della pizzeria Sorbillo dopo la bomba carta, oggi pizza gratis per tutti
- Calcio: posticipi Serie A, Genoa-Milan 0-2, gol di Borini e Suso, rossoneri quarti, alle 20.30 Juventus-Chievo
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 gennaio 2019
  1. /

I tifosi dell'Inter protestano, punizione senza coerenza

La tifoseria: "Non è con l'imposizione che si può ottenere qualcosa"

I tifosi dell'Inter prendono posizione contro la chiusura di San Siro per i fatti di Inter-Napoli e lo fanno davanti al Meazza a pochi minuti dall'inizio della gara con il Benevento, la prima a porte chiuse. Una trentina di rappresentanti del gruppo Banda Bagaj si è riunito infatti nel piazzale davanti allo stadio, protestando contro le decisioni del giudice sportivo. ''Contro il razzismo, contro la violenza. Contro punizioni prive di coerenza. La maggioranza non ha ululato ma un suo diritto è stato calpestato'', recitavano due striscioni appesi per circa dieci minuti. Proteste accompagnate da un volantino in cui il gruppo di tifosi punta il dito contro tutti, dalle istituzioni fino agli stessi tifosi, passando per polizia, ultras e anche l'Inter. ''Serve una soluzione più ampia - ha spiegato Massimiliano Rizza, presidente della Banda Bagaj -. Non è con l'imposizione che si può ottenere qualcosa, a maggior ragione se le misure restrittive vengono applicate a tutti. La maggioranza dei tifosi non ha fatto cori contro i napoletani nè buu razzisti''.

I tifosi dell'Inter protestano, punizione senza coerenza