Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Lampedusa: caso Sea Watch, la nave ha forzato il blocco ed è ferma, da ore, davanti al porto dell'isola in attesa di far sbarcare i migranti, si attendono decisioni delle autorità
- Roma: caso Sea Watch, ira di Salvini contro il comandante della nave, questo è un atto ostile, l'Olanda si faccia carico dei migranti, schierati i carabinieri in banchina
- Roma: governo, ministro Salvini, se il Movimento 5 Stelle continua con i no, trarrò le conseguenze, ma Di Maio è persona seria
- Roma: afa e caldo africano, temperature in aumento, oggi bollino rosso in sei città, appello del ministro Salute Giulia Grillo, al pronto soccorso solo se necessario
- Francia: Notre-Dame, l'incendio dello scorso aprile causato forse da una sigaretta spenta male oppure da un cortocircuito, scartata l'ipotesi dolosa
- Manduria (Ta): anziani torturati da baby gang, altri 9 nuovi arresti, otto sono minorenni, spunta una terza vittima
- Roma: riapre dopo 246 giorni la fermata della metro A di Piazza della Repubblica, resta chiusa, invece, Barberini
- Calcio: i mondiali femminili in Francia, appuntamento su Rtl 102.5, sabato, dalle 15, per Italia-Olanda, chi vince va in semifinale
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 gennaio 2019
  1. /

I tifosi dell'Inter protestano, punizione senza coerenza

La tifoseria: "Non è con l'imposizione che si può ottenere qualcosa"

I tifosi dell'Inter prendono posizione contro la chiusura di San Siro per i fatti di Inter-Napoli e lo fanno davanti al Meazza a pochi minuti dall'inizio della gara con il Benevento, la prima a porte chiuse. Una trentina di rappresentanti del gruppo Banda Bagaj si è riunito infatti nel piazzale davanti allo stadio, protestando contro le decisioni del giudice sportivo. ''Contro il razzismo, contro la violenza. Contro punizioni prive di coerenza. La maggioranza non ha ululato ma un suo diritto è stato calpestato'', recitavano due striscioni appesi per circa dieci minuti. Proteste accompagnate da un volantino in cui il gruppo di tifosi punta il dito contro tutti, dalle istituzioni fino agli stessi tifosi, passando per polizia, ultras e anche l'Inter. ''Serve una soluzione più ampia - ha spiegato Massimiliano Rizza, presidente della Banda Bagaj -. Non è con l'imposizione che si può ottenere qualcosa, a maggior ragione se le misure restrittive vengono applicate a tutti. La maggioranza dei tifosi non ha fatto cori contro i napoletani nè buu razzisti''.

I tifosi dell'Inter protestano, punizione senza coerenza