Igiene delle mani, con il Covid è divenuta un must per 2 italiani su 3

Igiene delle mani, con il Covid è divenuta un must per 2 italiani su 3

Igiene delle mani, con il Covid è divenuta un must per 2 italiani su 3 Photo Credit: agenziafotogramma.it


Ormai il 55% delle persone lava più spesso le mani, in media si arriva anche a 5 volte al giorno

Con la pandemia di Covid lavarsi le mani, per due italiani su tre, è diventato importante e quasi imprescindibile: è quanto emerso da un'indagine diffusa in occasione della Giornata mondiale dell'igiene delle mani, nel corso di un evento al Policlinico Gemelli di Roma, come ha riportato l'agenzia di stampa "Ansa". La ricerca è stata svolta dall'Osservatorio Opinion Leader 4 Future, nato dalla collaborazione tra Gruppo Credem e l'Alta Scuola in Media Comunicazione e Spettacolo di Università Cattolica. Dall'indagine emerge che il Covid ha modificato le abitudini degli italiani e il 55% dei nostri connazionali si lava più spesso le mani, ma manca la percezione delle abitudini più a rischio e di come lavarle: solo il 18% lo fa dopo aver usato lo smartphone ed il 50% correttamente.


Le donne lavano le mani più volte degli uomini

La frequenza giornaliera del lavaggio delle mani è mediamente di 6,5 volte al giorno, il 37% tra 4-7 volte al giorno e il 24% almeno 3 volte al giorno. Inoltre, quasi un italiano su cinque (19%) lava le mani oltre 10 volte al giorno. In particolare, tale pratica è più diffusa tra le donne (6,9 volte al giorno) rispetto agli uomini (6 volte al giorno) e i giovani sono tra i più attenti all'igiene delle mani: se le lavano in media 6,8 volte al giorno fra i 18-44 anni (6,4 volte al giorno tra i 45-64 e 6 volte al giorno gli over 64). Il sapone è utilizzato dal 99% degli intervistati, con una maggiore diffusione del sapone liquido (87%) rispetto alla classica saponetta (32%). L'utilizzo di gel e salviette risulta meno frequente: il 29% degli intervistati usa gel igienizzante e il 7% le salviette. Per il 50% degli intervistati il rischio maggiore di una cattiva igiene delle mani è la possibile trasmissione di germi da una parte sporca del corpo a una parte pulita, per il 40% il maggiore rischio è il passaggio di germi a soggetti fragili.


Giornata Mondiale igiene mani

L'indagine, condotta dai ricercatori dell'Università Cattolica e dall'istituto Bilendi e in collaborazione con gli specialisti della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, è stata diffusa in occasione della Giornata Mondiale dedicata all'igiene delle mani, che salva milioni di vite ogni anno. Secondo i dati dell'OMS ogni anno nel mondo centinaia di milioni di pazienti sono colpiti da infezioni correlate alla pratica sanitaria. Molte di queste sarebbero evitabili, infatti, si stima che l'igiene delle mani, se eseguita prima e dopo ogni contatto con un paziente, riduca le infezioni ospedaliere mediamente dal 10% al 50%.


Argomenti

agenziafotogramma.it
Covid
fotogramma.it
mani

Gli ultimi articoli di Max Viggiani

  • Per 9 ragazzi su 10 esiste il rischio di essere vittime sul web, lo rivela uno studio pubblicato oggi

    Per 9 ragazzi su 10 esiste il rischio di essere vittime sul web, lo rivela uno studio pubblicato oggi

  • "Voglio una squadra con la faccia incazzata": così Antonio Conte nella presentazione ufficiale a Napoli

    "Voglio una squadra con la faccia incazzata": così Antonio Conte nella presentazione ufficiale a Napoli

  • Gran Bretagna, William compie 42 anni, Re Carlo diffonde foto con il Principe bambino

    Gran Bretagna, William compie 42 anni, Re Carlo diffonde foto con il Principe bambino

  • Un ragazzo di 18 anni è morto schiacciato mentre era su un mezzo agricolo, è successo nel Lodigiano

    Un ragazzo di 18 anni è morto schiacciato mentre era su un mezzo agricolo, è successo nel Lodigiano

  • Nel 2032 l'Inps avrà perdite consistenti per miliardi di euro, le cause sono la longevità e la bassa fecondità

    Nel 2032 l'Inps avrà perdite consistenti per miliardi di euro, le cause sono la longevità e la bassa fecondità

  • Vendita record all'asta, a Parigi, per "Il Melone" di Chardin pagato ben 26, 7 milioni di euro

    Vendita record all'asta, a Parigi, per "Il Melone" di Chardin pagato ben 26, 7 milioni di euro

  • Il mondo del vino ricorda il gastronomo Luigi Veronelli, in Toscana riunite le eccellenze dell'enologia italiana

    Il mondo del vino ricorda il gastronomo Luigi Veronelli, in Toscana riunite le eccellenze dell'enologia italiana

  • Atletica, dopo nove mesi, ad Ostrava, nei 400 ostacoli, è tornata a brillare la stella di Alessandro Sibilio

    Atletica, dopo nove mesi, ad Ostrava, nei 400 ostacoli, è tornata a brillare la stella di Alessandro Sibilio

  • La vicenda dell'Infermiera killer di Piombino, ergastolo per la donna nel processo d'appello bis

    La vicenda dell'Infermiera killer di Piombino, ergastolo per la donna nel processo d'appello bis

  • Calcio. Il mercato allenatori sta tenendo banco. Conte, Gasperini e Pioli i nomi di cui si parla di più

    Calcio. Il mercato allenatori sta tenendo banco. Conte, Gasperini e Pioli i nomi di cui si parla di più