Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
- Francia: Strasburgo, spari al mercatino di Natale, 4 morti e 9 feriti, l'attentatore un 29enne radicalizzato, è asserragliato, scontro a fuoco con la Polizia
- Francia: Strasburgo, presidente Parlamento Europeo Tajani, attacco in diverse zone, gli eurodeputati al sicuro
- Roma: incendio in un deposito di rifiuti sulla via Salaria, gli inquirenti non escludono il dolo o il sabotaggio, non ci sarebbero pericoli per la popolazione
- Roma: manovra economica, domani, a Bruxelles, vertice Conte-Juncker, oggi il premier ha riferito alle Camere
- Israele: ministro dell'interno Salvini, Hezbollah terroristi, Ministero Difesa, parole preoccupanti
- Roma: Valentino Talluto condannato in appello a 22 anni, il 34enne accusato di aver contagiato volontariamente 32 donne con il virus dell'Aids
- Kenya: arrestato uno dei tre rapitori di Silvia Romano, è caccia agli altri due sequestratori, non ci sono notizie certe della cooperante italiana
- Milano: un maestro di 46 anni colpito con due pugni dallo zio di un alunno, è accaduto durante un colloquio sul rendimento scolastico
- Calcio: Champions League, Inter-PSV Eindhoven 1-1 e Liverpool-Napoli 1-0, Inter e Napoli eliminate
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
17 novembre 2018

Il 17 novembre è la giornata mondiale del gatto nero

Giunta alla quindicesima edizione e ideata dall’italiano Lorenzo Croce, vuole evitare che il felino sia oggetto di superstizione

La Giornata mondiale del gatto nero è una celebrazione nata per difendere uno dei felini più eleganti e affascinanti da una superstizione che ne causa parecchi abbandoni e, in casi estremi, la morte. La manifestazione, arrivata quest’anno alla sua quindicesima edizione, è stata ideata dall’italiano Lorenzo Croce, presidente dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente. Quella del Gatto Nero Day è l’occasione internazionale per riflettere su quanto sia ancora forte la scaramanzia nella cultura di diverse parti del mondo, a iniziare dalla stessa Europa. La sfortuna associata ai gatti neri ha origini lontane: il colore poco visibile di notte e la tipica fluorescenza degli occhi dei gatti hanno favorito in epoca medioevale l’associazione di questo felino all’idea di una sua alleanza con le forze demoniache legate all’occulto. È tipico pensare quando i gatti all’improvviso fissano un punto nel vuoto che stiano vedendo qualcosa di ultraterreno. Questa suggestione in passato ha bollato i gatti neri come emissari del diavolo, finché l’Inquisizione ha deciso di mandarli al rogo insieme alle streghe. La superstizione più comune sembra derivare però da un fatto più pratico: nell’antichità i cavalli si spaventavano quando di notte gli si parava davanti un gatto nero e questo ha causato numerosi incidenti. Da qui deriva il timore che porti sfortuna vedere un gatto nero che ci attraversa la strada.

Il 17 novembre è la giornata mondiale del gatto nero