Scrivici in Diretta
Il tuo messaggio in Radiovisione
YouONAir su Twitter
YouONAir su Facebook
I vostri messaggi al 349.349.102.5

Registrati

Accedi

FAQ:

×
news:
-
-
- Francia: Lione, esplode uno zaino bomba per strada, almeno tredici feriti, tra cui una bambina, nessuno è in pericolo di vita Macron, è un attacco, caccia all'uomo, diffusa la foto di un sospetto
- Roma: le elezioni europee, e le amministrative oggi giornata di silenzio, si voterà domenica dalle 7.00 alle 23.00
- Londra: Teresa May annuncia, in lacrime, le dimissioni per il 7 giugno, profondo rammarico per non essere riuscita ad attuare la Brexit, un nuovo premier arriverà presto
- Genova: la Procura ha aperto una inchiesta sui poliziotti che ieri hanno malmenato un giornalista al seguito di una manifestazione, il procuratore Cozzi, assurdo colpire cronista
- Novara: bambino di nemmeno due anni arrivato morto in ospedale, indagati per omicidio volontario la madre e il suo compagno, i due parlano di una caduta dal letto, ma le lesioni non sono compatibili con la caduta secondo l'autopsia
- Roma: scavi sotto al Campidoglio, trovata una testa in marmo bianco di età imperiale, si tratterebbe di una divinità, potrebbe essere la raffigurazione di Dioniso
- Ciclismo: il russo Zakarin vince per distacco la 13esima tappa del Giro d'Italia con arrivo a Ceresole Reale, lo sloveno Polanc ancora in maglia rosa
- Segui tutti gli aggiornamenti su rtl.it, twitter@rtl1025, facebook@rtl102.5 e instagram@rtl1025
13 marzo 2019

Il cervello ricorda o dimentica a comando, lo dice uno studio

Il processo è legato al meccanismo dei ricordi

Il cervello può ricordare o dimenticare a comando. La strada per controllare questo processo passa, a sorpresa, attraverso il meccanismo che consolida i ricordi. È quanto emerge dallo studio pubblicato sul Journal of Neuroscience dal gruppo dell’Università americana del Texas, ad Austin, coordinato da Tracy Wang. Lo studio è basato su tecniche di diagnostica per immagini, come la risonanza magnetica funzionale. I ricercatori hanno osservato il cervello di un gruppo di volontari, invitati di volta in volta a ricordare e dimenticare immagini legate a scene o volti sconosciuti. La risonanza magnetica mostra che le immagini dimenticate sono associate a un’attivazione della corteccia visiva più forte rispetto a quelle ricordate. Secondo Wang, il risultato indica che “focalizzare l’attenzione sul ricordo di un‘esperienza indesiderata più che sulla sua soppressione potrebbe essere, quindi, necessario per dimenticarla. Dimostrando - ha concluso - l’esistenza di un legame tra il controllo volontario dell’attenzione visiva e il destino dei ricordi”.

Il cervello ricorda o dimentica a comando, lo dice uno studio