“Il Karate è la mia vita”: il campione Stefano Maniscalco arriva al cinema

08 dicembre 2021, ore 10:00

Dopo l’autobiografia uscita da poche settimane, l’atleta delle Fiamme Gialle è pronto a stupire tutti al cinema. “Nel 2022 il film sulla mia vita”, confessa ad RTL 102.5 News

"Qui si fa Karate da oltre 40 anni": a casa Maniscalco lo sport è sempre stata una costante non indifferente. Oggi Stefano, quarant'anni, atleta pluripremiato delle Fiamme Gialle, agguanta l'ennesimo successo: un libro che è uscito da poche settimane ed un film sulla sua vita (che sarà nelle sale nel 2022). "Sono nato in famiglia di atleti, non smetterò mai di essere un Karateka", svela a Trends & Celebrities su RTL 102.5 News con Francesco Fredella, Simone Palmieri e Jody Cecchetto.
Nella lunga intervista riavvolge il nastro dei ricordi e vola nella sua Palermo, città a cui è legato dalla nascita. "Ho iniziato a fare arti marziali a Palermo a 10 anni, prima facevo ginnastica artistica. A suggerirmelo è stato mio padre, che è stato il primo maestro. Mi sono appassionato guardando gli action movie di Hollywood, ma arrivo da una famiglia di atleti. Sono un figlio d’arte. Le mie sorelle fanno Judo e Karate”, racconta.

MANISCALCO E' IL PERFETTO KARATE-MAN

Di premi, durante la carriera agonistica, nel vince tantissimi: tre volte campione del Mondo, poi campione d'Europa ed ancora tanti altri riconoscimenti. "Le arti marziali sono la mia passione, ma col tempo sono diventate anche un vero e proprio lavoro", racconta a RTL 102.5 News. La carriera da agonista si conclude nel 2017, all'età di 35 anni (così come prevedono le norme della Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali - FIJLKAM). “Oggi sono allenatore del gruppo sportivo delle Fiamme Gialle e della Nazionale militare di Karate. Sono contento di avere portato tante medaglie all’Italia”, dice.


L'ESPERIENZA CINEMATOGRAFICA E IL SUO ULTIMO LIBRO

Ora, però, Maniscalco si gode tanta popolarità. Un libro in uscita da diverse settimane (che s'intitola “L’ultimo imperatore del Karate”) e poi un film che racconta la sua storia. "Quando ho disputato l’ultima gara ho affrontato un amico, Christian Toni. Gli piazzai un bel calcio alla fine. Lui mi abbracciò e mi disse ‘è finito l’ultimo imperatore del Karate’. Mi emozionò e quando decisi di raccogliere la mia vita in un'autobiografia ho voluto dare questo titolo. Avevo tanto da dire. Un karateka non smette mai di esserlo, finisce solo l’agonismo. Resta quello che hai fatto e quello che hai lasciato. Adesso mi dedico alle nuove generazioni”, spiega nell'intervista.
Invece, bisognerà attendere il 2022 per vedere nelle sale il suo film. “L’ho girato con Claudio De Falco due anni fa, ma con l’avvento della pandemia non abbiamo potuto fare sì che fosse pronto. Adesso ci stiamo lavorando. Il cinema mi ha sempre appassionato. Ho voluto portare le arti marziali sul grande schermo come accade in Francia. In Italia è difficile sdoganare altri generi di film, ma ci proviamo. L’arte marziale cinematografica con quella di gara non c’entra nulla. È molto coreografica”, conclude.


“Il Karate è la mia vita”: il campione Stefano Maniscalco arriva al cinema
Tags: Karate, Rtl 102.5 News, Stefano Maniscalco

Share this story: