Il ministro Speranza, alla Camera, niente battaglie politiche sulla salute degli italiani, in arrivo nuove misure anticovid

13 gennaio 2021, ore 13:38 , agg. alle 11:30

Il ministro della Salute ha annunciato che sarà prorogato fino al 30 settembre lo stato d'emergenza in scadenza il 31 gennaio. Nel nuovo Dpcm confermato il divieto di spostamento tra regioni anche in zona gialla e di asporto dopo le 18,00 nei bar. Sarà introdotta anche la fascia bianca per le aree a basso rischio contagio.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha scelto di iniziare il suo intervento alla Camera dei deputati rivolgendo un appello a tutti i partiti politici, nelle ore in cui si definisce la sorte del governo, con la possibile crisi innescata da Italia viva: Il 2020 è stato un anno difficile e lungo. Senza sforzo unitario delle istituzioni non si può arginare e sconfiggere questo nemico incredibilmente forte che ci ha costretto a rinunciare alla nostre libertà. Non c'è strada diversa che l'unità per affrontare l'emergenza che stiamo vivendo – ha detto Speranza - Teniamo fuori dalla battaglia politica la salute degli italiani. Serve una forte e leale collaborazione tra le Istituzioni. Il Paese che si stringe a coorte per essere vicino ai nostri medici e infermieri che combattono in prima linea. Serve unità a Roma come in tutte le Regioni, siamo nell'ultimo miglio, un passaggio delicato e difficile per vincere battaglia contro un nemico invisibile, adesso ancor di più che nelle altre fasi dell'epidemia” .


Prorogato lo stato d'emergenza al 30 aprile

Nella sua informativa sul nuovo Dpcm anticovid, il ministro della Salute Speranza ha parlato con preoccupazione dell’andamento dell’epidemia di coronavirus , nuovamente in fase espansiva: “A livello nazionale il tasso di occupazione delle terapie intensive torna ad attestarsi sopra la soglia critica del 30% e c'è un drammatico mutamento dell'indice di rischio attribuito alle Regioni: 12 regioni e province autonome sono ad alto rischio, 8 sono a rischio moderato di cui 2 in progressione a rischio alto e una sola regione è a rischio basso” . Anche per questa ragione il Governo ha deciso di prorogare fino al 30 aprile lo stato d’emergenza in scadenza il prossimo 31 gennaio.



Confermate le misure anticovid e arriva la zona bianca

Nel quadro epidemiologico tracciato da Speranza, il governo, in particolare nel corso del Consiglio dei ministri in programma nelle prossime ore, si prepara a confermare le misure contenute nel precedente Dpcm , anche se con alcune novità. Dunque, nel nuovo provvedimento troverà ancora spazio il divieto di spostamento tra le regioni anche in zona gialla, quello per l’asporto nei bar dopo le 18 e l’ingresso in area arancione di tutte le regioni ad alto rischio. Non solo. Come previsto nei provvedimenti emanati per le vacanze di Natale, sarà confermato il divieto di accogliere a casa più di due persone non conviventi. Cambia anche la divisione del Paese in fasce di rischio: oltre alle aree rosse, arancioni e gialle, si introduce anche quella bianca quando i contagi restino sotto i 50 casi ogni 100 mila abitanti e l’Rt sotto a 1, fermo restando l’uso delle mascherine e le misure del distanziamento.



Oltre 250 milioni di dosi di vaccino all'Italia

Il ministro della Salute Speranza ha dedicato anche ampio spazio alla campagna di vaccinazione contro il coronavirus e ai tanti scettici ancora presenti tra gli italiani: Con la campagna di vaccinazione vediamo la luce in fondo al tunnel. Il Covid ha le ore contate, ma non abbiamo ancora vinto, siamo alle prime battute di una lunga e difficile maratona", ha dichiarato Speranza. "Sono convinto che la stragrande maggioranza degli italiani deciderà di vaccinarsi senza ricorrere all'obbligo. Per il governo resta comunque fondamentale l'obiettivo dell'immunità di gregge. A chi ha dubbi sui vaccini dobbiamo rispondere con la trasparenza, l'evidenza scientifica e la capacità di ascolto e dialogo, non con gli insulti o con una guerra ideologica tra fan della scienza e primitivi delle caverne”. A proposito delle dosi che saranno rese disponibili, Speranza ha ricordato che al momento l’Italia ha siglato accordi per ottenere 250 milioni di dosi, oltre il doppio di quelle necessarie per immunizzare tutti gli italiani. A quelli di Pfizer-BionTech e Moderna, si aggiungerà quello di Johnson & Johnson, nel primo trimestre di quest’anno, mentre i risultati degli studi sul farmaco italiano di ReiThera fanno ben sperare per la futura disponibilità.


Il ministro Speranza, alla Camera, niente battaglie politiche sulla salute degli italiani, in arrivo nuove misure anticovid
Tags: Camera, Covid, Dpcm, Speranza , Stato d'emergenza, Vaccino

Share this story: