Il Presidente americano Joe Biden ha lanciato il suo piano da 2000 miliardi di dollari per ricostruire gli Stati Uniti

01 aprile 2021, ore 10:18

L'American Jobs Plan sarà finanziato con l'aumento della pressione fiscale sulle aziende e le multinazionali; servirà per stimolare l'occupazione e per preparare gli Stati Uniti alle sfide future legate anche ai cambiamenti climatici

Il luogo dove è stato fatto l’annuncio non è stato scelto a caso, perché Pittsburgh è la città simbolo della Middle class americana e il piano della Casa bianca si rivolge proprio a quella fetta di popolazione duramente colpita dall’epidemia di Coronavirus. Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ieri ha lanciato il suo American Jobs Plan, oltre 2000 miliardi di dollari per permettere al Paese di rialzarsi. Denaro fresco da immettere nel sistema dopo i 1900 miliardi di euro dell’American Rescue Plan che aveva l’obiettivo di salvare l’economia Usa. Ora per Biden è il momento di alzare il tiro per preparare gli Stati Uniti alle sfide future. “Ricostruire l'ossatura dell'America, ma non con gli occhi di Washington o di Wall Street ma con gli occhi dei lavoratori – ha dichiarato il capo della Casa Bianca - Il mio piano porterà alla creazione di milioni di posti di lavoro in America”. Gli investimenti punteranno al rafforzamento delle infrastrutture americane, ma anche a risolvere le questioni legate ai cambiamenti climatici e le tensioni razziali. Dunque saranno impiegati per sviluppare le fonti rinnovabili e l'energia pulita, ma anche per rafforzare l’edilizia residenziale nelle zone più colpite da fenomeni meteorologici estremi. Sul fronte del lavoro gli investimenti federali saranno impiegati per stimolare la formazione di milioni di persone appartenenti alle comunità più disagiate e fragili.


Più tasse sulle società

Il piano della nuova amministrazione è molto ambizioso e costoso e sarà finanziato con l’aumento della pressione fiscale, soprattutto su grandi aziende e multinazionali. Se infatti aumenterà la pressione sulle persone benestanti con redditi superiori ai 400.000 dollari, l’aliquota sulle società passerà dal 21% al 28% e saranno tassati i profitti guadagnati all’estero. Di fatto si tratta di una drastica inversione di marcia rispetto alla riforma fiscale del 2017 di Donald Trump. Il Tycoon tagliò infatti le imposte alle aziende dal 35% al 21%. Proprio per questo il commento più duro alle nuove misure della Casa Bianca arrivano dal miliardario:” è un attacco crudele al sogno americano, l'aumento maggiore delle tasse nella storia d'America – si legge in un comunicato -  Un aumento che concederà una vittoria alla Cina, ai politici di Washington e ai burocrati del governo. A perdere saranno le famiglie americane”.

Borsa

Il nuovo piano del presidente americano, Joe Biden, è stato accolto con favore dalla Borsa. A New York, Wall street ha toccato ieri massimi storici per poi chiudere contrastata. Il Dow Jones Industrial ha segnato una flessione dello 0,06% a 33.045 punti e il Nasdaq un rialzo dell'1,54% a 13.246.


Il Presidente americano Joe Biden ha lanciato il suo piano da 2000 miliardi di dollari per ricostruire gli Stati Uniti
Tags: American Jobs plan, Joe Biden, Stati Uniti, Trump

Share this story: